Thursday, July 03, 2008

Vampiri artici

Barrows, una piccola cittadina in Alaska, si prepara ai 30 giorni di notte polare che l'aspettano. Gran parte dei suoi abitanti parte verso mete più accoglienti mentre un centinaio di persone rimangono in città. Quale migliore occasione, per una tribu di vampiri, di banchettare allegramene con l' ignara popolazione di Barrows? Ma soprattutto, serve altro come "base" per tirar su un film horror fatto come si deve? No, non credo. C'è tutto in fondo: una cittadina sperduta nel nord degli USA immersa nella neve, un manipolo di cittadini belli pronti a farsi massacrare e un gruppo meno consistente (ma non per questo meno pericoloso) di creature fameliche. Il regista David Slade lavora su di una sceneggiatura tratta dall' omonima graphic novel (30 Days of Night in originale) adattata dallo stesso autore. Non avendola letta, non so dire quanto questo adattamento sia fedele, quanto sia stato preso dalle pagine del fumetto e quanto invece sia stato inventato di sana pianta. Sembra comunque che il materiale di partenza sia molto interessante ( i vampiri hanno sempre un fascino molto particolare) e il risultato finale è più di quello che mi aspettassi. Il problema più grosso con la maggior parte delle produzioni horror è che sono facilmente dimenticabili, che dopo la visione non facciamo il minimo sforzo per cercare di conservarne il minimo ricordo. 30 Giorni di Buio non rientra tra questi e pur non essendo affatto privo di difetti, ci sono diversi elementi che ricorderò con piacere. Innanzitutto la storia non si dilunga in spiegazioni di sorta, non ci dice da dove vengano i vampiri per esempio, ma ce lo fa intuire (la nave che si vede all' inizio?). Si concentra invece nell' accumulare la tensione mostrando come sistematicamente, con una perfetta strategia da invasione, la città viene isolata dal resto del mondo. Trenta perfetti minuti in cui si crea nello spettatore un forte senso di attesa per quello che sappiamo sta per arrivare. Ma anche quando il film ingrana la marcia dello splatter funziona a meraviglia: tra sangue a fiotti e teste mozzate, un paio di sequenze risultano veramente azzeccate e mi riferisco alla panoramica aerea della città mentre avviene la carneficina o la sequenza all'emporio dove i sopravvissuti vengono attaccati dalla bambina-vampiro (da incubo!!!). La forza del film sta proprio nel vedere l'uomo inerme di fronte ad una minaccia che non può capire e che non ha la forza di affrontare se non cercando un luogo sicuro dove passare i giorni prima della prossima alba...questo fino ad un quarto d'ora dalla fine almeno. Se si può passare sopra a certe ingenuità (non si ha la sensazione che i giorni passino perché i protagonisti non appaiono trasandati e sfiancati come dovrebbero) e a dei personaggi abbastanza inutili (ma tanto sono carne da macello, che importa!) non è accettabile un finale un po' troppo frettoloso e appiccicato a forza tanto per mettere in scena il confronto tra i due leader ideali di entrambe le razze, che appare decisamente troppo fiacco e involuto. Peccato aver smarrito quel bel sentiero solido e sicuro, battuto tra neve, fiamme e sangue, tantissimo sangue.

8 comments:

Ale55andra said...

Il finale è davvero tragicomico, anche la sequenza all'emporio non l'ho gradita. Mentre l'incipit e la sequenza del massacro ripreso dall'alto sono davvero molto belli. Tutto sommato, un film godibile.

Inenarrabile said...

J' adore le storie di vampiri, poi lo vedo :D

francy said...

Bello o no, io sti film non li guardo: mi fanno troppa paura!

Weltall said...

@ale55andra: si, si, godibilissimo anche perchè ha un buon ritmo e la noia non sopraggiunge.
La sequenza dell' emporio io l'ho trovata parecchio inquietante e coraggiosa: mettere dei bambini in determinati ruoli e farli a pezzi con l'accetta non è cosa che si vede spesso ^__^

@inenarrabile: allora questo potrebbe piacerti ^__^

@francy: allora non posso che consigliarti di evitarlo ^__*

Killo said...

Questo lo guardo stasera,,,

Weltall said...

@killo: poi fammi sapere ^__^

nicolacassa said...

Scene splatter incredibili, quella della ruspa con la motosega gigante ci ha fatto esclamare di gusto!!

Weltall said...

@Nick: siiiiiiiiiiii! Vampiri fatti a pezzi, cosa si può chiedere di meglio? ^___*