Friday, August 01, 2014

CINE20: SPECIALE TOP 10 STAGIONE CINEMATOGRAFICA 2013 / 2014


Come promesso, prima che io ed il buon Kusa ci congediamo per le ferie estive, vi lasciamo le nostre personalissime, discutibili, ma uniche, Top Ten sulla stagione cinematografica 2013 / 2014 appena conclusa.
E naturalmente ci leggiamo a settembre ma per il momento le classifiche le trovate qui!!!


Labels: ,

Tuesday, July 29, 2014

CINE20 - 153^ PUNTATA


Ultimissima puntata prima delle ferie estive (ma in arrivo il mega post con le nostre classifiche!!!): si parte con la recensione di Transformers 4 e poi si prosegue con le uscite dal 24 luglio al 28 agosto selezionate dal buon Kusa.
Nei negozi già trovate Grand Budapest Hotel, mentre a fine agosto arriva Captain America - The Winter Soldier.
Online qui, nonostante gli hacker.

Labels: ,

Sunday, July 20, 2014

Lyrics of the Week + Video / CLASH - ROCK THE CASBAH



Now the king told the boogie men
You have to let that raga drop
The oil down the desert way
Has been shakin' to the top
The sheik he drove his Cadillac
He went a' cruisnin' down the ville
The muezzin was a' standing
On the radiator grille

The shareef don't like it
Rockin' the Casbah
Rock the Casbah
The shareef don't like it
Rockin' the Casbah
Rock the Casbah

By order of the prophet
We ban that boogie sound
Degenerate the faithful
With that crazy Casbah sound
But the Bedouin they brought out
The electric camel drum
The local guitar picker
Got his guitar picking thumb
As soon as the shareef
Had cleared the square
They began to wail

The shareef don't like it
Rockin' the Casbah
Rock the Casbah
The shareef don't like it
Rockin' the Casbah
Rock the Casbah

Now over at the temple
Oh! They really pack 'em in
The in crowd say it's cool
To dig this chanting thing
But as the wind changed direction
The temple band took five
The crowd caught a wiff
Of that crazy Casbah jive

The shareef don't like it
Rockin' the Casbah
Rock the Casbah
The shareef don't like it
Rockin' the Casbah
Rock the Casbah

The king called up his jet fighters
He said you better earn your pay
Drop your bombs between the minarets
Down the Casbah way

As soon as the shareef was
Chauffeured outta there
The jet pilots tuned to
The cockpit radio blare

As soon as the shareef was
Outta their hair
The jet pilots wailed

The shareef don't like it
Rockin' the Casbah
Rock the Casbah
The shareef don't like it
Rockin' the Casbah
Rock the Casbah

He thinks it's not kosher
Fundamentally he can't take it.
You know he really hates it.

Labels:

Thursday, July 17, 2014

CINE20 - 152^ PUNTATA


A secco di recensioni ed uscite home video, con il socio Kusa vi proponiamo alcune uscite in sala che potrebbero davvero risollevarci da questo torpore pre-feriale: Il Buono Il Brutto Il Cattivo (uuuuuuh!) Transformers 4, Monthy Python e, perchè no, anche i Duran Duran in concerto diretti da David Lynch.
Online qui.


Labels: ,

Sunday, July 13, 2014

Lyrics of the Week + Video / FROU FROU - LET GO



Drink up baby doll
Are you in or are you out?
Leave your things behind
'Cause it's all going off without you
Excuse me too busy you're writing your tragedy
These mishaps
You bubble-wrap
When you've no idea what you're like

So, let go, let go
Jump in
Oh well, what you waiting for?
It's all right
'Cause there's beauty in the breakdown
So, let go, let go
Just get in
Oh, it's so amazing here
It's all right
'cause there's beauty in the breakdown

It gains the more it gives
And then it rises with the fall
So hand me that remote
Can't you see that all that stuff's a sideshow?
Such boundless pleasure
We've no time for later
Now you can't await
your own arrival
you've twenty seconds to comply

So, let go, so let go
Jump in
Oh well, what you waiting for?
It's alright
'Cause there's beauty in the breakdown
So, let go, yeah let go
Just get in
Oh, it's so amazing here
It's all right
'Cause there's beauty in the breakdown

So, let go,
Jump in
Oh well, what you waiting for?
It's alright
'Cause there's beauty in the breakdown
So, let go, yeah let go
Just get in
Oh, it's so amazing here
It's all right
'Cause there's beauty in the breakdown

In the breakdown
'Cause there's beauty in the breakdown
The breakdown

So amazing here
'Cause there's beauty in the breakdown

Labels:

Friday, July 11, 2014

CINE20 - 151^ PUNTATA


Rispetto a quella scorsa, questa settimana è fiacca. Fiacchissima. Niente recensioni ed al buon Kusa gli toccano uscite in sala da incubo.
E siamo pure costretti a rettificare quanto scritto per l'edizione home video di Snowpiercer...
La tristezza è online qui.

Labels: ,

Sunday, July 06, 2014

Lyrics of the Week + Video / FUNARAL SUITS -




Hoh hoh hoh hoh hoh hoh hoh..
Hoh hoh hoh hoh hoh hoh hoh
U-uh.. uuh

Hoh hoh hoh hoh hoh hoh hoh
Hoh hoh hoh hoh hoh hoh hoh
U-uh.. uuh
U-uh u-uh u-uh uuh u-uh u-uh uuh
U-uh u-uh u-uh uuh u-uh u-uh u-uh uuh

Inside, the words are falling
Falling down (all alone)
For it's pike
The hunter kills the
Village clown (all alone)

Hands down by your side
Hands down by yo-ur side
Hands down by your side
Hands down by yo-ur side

U-uh u-uh u-uh uuh u-uh u-uh uuh
U-uh u-uh u-uh uuh u-uh u-uh u-uh uuh

Inside, the words are falling
Falling down
For it's pike
The hunter kills the
Village clown (all alone)

Hands down by your side
Hands down by yo-ur side
Hands down by your side
Hands down by yo-ur side

Hoh hoh hoh hoh hoh hoh hoh hoh..
Hoh hoh hoh hoh hoh hoh hoh hoh..
Oh, oh!

U-uh uh u-uhh

Labels:

Friday, July 04, 2014

CINE20 - 150^ PUNTATA


Per il nostro centocinquantesimo appuntamento il buon Kusa propone ben due recensioni (Stories We Tell e The Lego Movie) mentre il sottoscritto vi espone quel che potete trovare in sala, una selezione di insulse commedie ed un horror che ispira poca fiducia. Per fortuna c'è Per Qualche Dollaro in Più.
Nei negozi arriva The Wolf of Wall Street ma soprattutto Snowpiercer!
Online qui.


Labels: ,

Monday, June 30, 2014

Il ritorno del RE dei MOSTRI

Gioite e tremate, il Re dei Mostri è tornato! Riportato in superficie dall' esuberante spettacolarità di Pacific Rim, è pronto a riprendersi il posto d' onore che giustamente gli spetta e che di certo non poteva conquistare grazie al trascurabile film di Roland Emmerich che di suo aveva solo il nome e forse nient'altro: Godzilla. Perchè tenere il nome ma privarlo di tutto il background costruito in tanti film è pratica consueta e sintomatica di un cinema americano privo di idee ma sempre pronto a sfruttare quelle degli altri riducendole però ai minimi termini. Nonostante questo Godzilla è tornato, ancora sotto bandiera americana ma questa volta diretto da Gareth Edwards. Regista forse sconosciuto ai più, Edwards ha esordito qualche anno fa proprio con un atipico moster movie (proprio dal titolo "Mosters") che rifletteva sulle condizioni dell' immigrazione tra Messico e Stati Uniti. Qui però c'è davvero poco su cui riflettere visto che gli intenti di questo nuovo film del mostro giapponese sono quelli basilari che si prefigge il grande cinema d'intrattenimento americano, tanti effetti speciali e personaggi dalle storie trite e ritrite che servono solo a fare minutaggio o, al massimo, a riempire i vuoti tra una fugace apparizione dei mostri e l'altra, cosa che costantemente ruba l' attenzione a tutto il resto. E si parla di "mostri", al plurale, non a caso. Configurandosi quindi come il più classico blockbuster made in Hollywood, con tutti gli evidenti e non trascurabili difetti del caso, il film di Gareth Edwards è comunque estremamente divertente e anche sorprendentemente coraggioso nel restituire al Mostro le sue origini, omaggiando in tanti modi e con tanti dettagli, quel che ha reso famosi i suoi vecchi, vecchissimi film. L' uomo è insignificante (di conseguenza lo sono anche quasi tutte le scene con protagonisti gli attori e non i mostri) ed il vero nemico di Godzilla sono altre creature che come lui ingaggiano una lotta per la supremazia che noi abbiamo perso in partenza.

Recensione già pubblicata su CINE20.  


Labels: ,

Sunday, June 29, 2014

Lyrics of the Week + Video / FUNERAL SUITS - ALL THOSE FRIENDLY PEOPLE



Count back anecitize
Colours burnt into my eyes
Life for you is shades of grey
Help me help me
Find my way
Lost Lost
Is never found
Hide your secrets
Settle down
I am young and I am naïve
Tell me something I will believe
Take me take me
Far away
From this city’s soul decay
Hid away ’til I was eighteen
Only saw colours on a tv screen
Skinny jeans and sunglasses
A fashion statement for the masses
What your doing makes me sick
Over hyped and generic

Shine shine
Like the sun
Spread your warmt through everyone
I asked you why people die
You said we all had a design
Slide slide
Into the sea
Landslide coming down on me
I said I was into you
You said you were into me

You never answer on the phone
With your nicotene lips and your heart of stone
I look for you by the underpass
Looks like this love wasn’t meant to last
You said you reap just what you sow
So tell me where does your garden grow
You said in the time the pain would pass
Looks like the end is here at last

Burn burn
Like a star
Burn a hole in every heart
Strung out on a trail of blood
Who knew the stars were not enough
Smile Smile
If you can
If you can’t I’ll understand
See these stiches in my eyes
Smash computers kill rockstars
Purge the past and waste my mind
Leave no scent or trace behind
One day when you bury me
When I wake up what will I see?
Down down underground
Dig for fire dig for sound
What is on the radio
'Cause I would like to say hello

Crawl crawl through the dirt
Jesus show us what your worth
Can’t you just send us a sign
Tell us all that we’re doing fine
Nights for sitting in the dark
Days for lieing in the park
Wake me up from my sick dream
A requiem for this dead scene

You never answer on the phone
With your nicotene lips and your heart of stone
I look for you by the underpass
Looks like this love wasn’t meant to last
You said you reap just what you sow
So tell me where does your garden grow
You said in the time the pain would pass
Looks like the end is here at last

Count back anecitize
Colours burnt into my eyes
Life for you is shades of grey
Help me help me
Find my way
Mother can’t you help me know
Cause I’ve been drowning in the sound
Lying on the motorway
Writing songs and wasting away

Labels:

Thursday, June 26, 2014

CINE20 - 149^ PUNTATA


Approfittando della recente uscita in DVD e Bluray, recensiamo Merantau di Gareth Evans mentre Kusa ci espone le uscite in sala tra le quali è doveroso segnalare La Città Incantata, Stories We Tell e Thermae Romae.
Nei negozi l'attesissima edizione home video di The Lego Movie.
Online qui.

Labels: ,

Sunday, June 22, 2014

Lyrics of the Week + Video / THE SHINS - NEW SLANG



Gold teeth and a curse for this town were all in my mouth.
Only I don't know how they got out, dear.
Turn me back into the pet I was when we met.
I was happier then with no mind-set.

And if you'd 'a took to me like a gull takes to the wind.
Well, I'd 'a jumped from my tree
And I'd 'a danced like the king of the eyesores
And the rest of our lives would 'a fared well.

New slang when you notice the stripes, the dirt in your fries.
Hope it's right when you die, old and bony.
Dawn breaks like a bull through the hall,
Never should have called
But my head's to the wall and I'm lonely.

And if you'd 'a took to me like a gull takes to the wind.
Well, I'd 'a jumped from my tree
And I'd 'a danced like the king of the eyesores
And the rest of our lives would 'a fared well.

God speed all the bakers at dawn
May they all cut their thumbs,
And bleed into their buns 'til they melt away.

I'm looking in on the good life I might be doomed never to find.
Without a trust or flaming fields am I too dumb to refine?

And if you'd 'a took to me like
I'd 'a danced like the queen of the eyesores
And the rest of our lives would 'a fared well.

Labels:

Friday, June 20, 2014

HOMEVIDEO su I-FILMSONLINE - Maggio 2014


Segnalo un po' in ritardo (è già stata pubblicata quella di giugno ^__^") ma potete leggere su i-filmsonline, la mia rubrica sulle uscite home video di maggio nella quale recensisco anche il bluray di Venere in Pelliccia.

Labels:

Thursday, June 19, 2014

CINE20 - 148^ PUNTATA


Questa settimana lo spazio recensioni è tutto occupato da Kusa e da The Congress di Ari Folman che convince a metà, non come il suo precedente Valzer con Bashir. In sala arriva il nuovo Clint Eastwood, Jersey Boys, e dopo solo SEI anni Synecdoche, New York di Charlie Kaufman.
Nei negozi, causa una serie di rinvii, solo Dallas Buyers Club.
Leggeteci. Siamo online qui.


Labels: ,

Sunday, June 15, 2014

Lyrics of the Week + Video / MIKE OLDFIELD - NUCLEAR



Standing on the edge of the crater
Like the prophets once said 
and the ashes are all cold now
No more bullets and the embers are dead
Whispers in the air tell the tales
Of the brothers gone
Desolation, devastation
What a miss we made, when it all went wrong

Watching from the edge of the circus
For the games to begin
Gladiators draw their swords 
form their ranks for armageddon

I'm nuclear
I'm wild
I'm breaking up inside
A heart of broken glass
Defiled
Deep inside
The abandoning child

Standing on the edge of the underworld
Looking at the abyss 
and I'm hoping for some miracle
To breakout to escape from all this
Whispers in the air tell the tales
of a life that's gone
Desolation, devastation
What a mess we made, when it all went wrong

I'm nuclear
I'm wild
I'm breaking up inside
A heart of broken glass
Defiled
Deep inside
The abandoning child

I'm nuclear
I'm wild
I'm breaking up inside
A heart of broken glass
Defiled
Deep inside
The abandoning child

Labels:

Friday, June 13, 2014

CINE20 - 147^ PUNTATA


Settimana fiacca per CINE20, lo dimostrano l' assenza di uscite home video e anche di proposte in sala, curate dal buon Kusa, che vedono in Gabrielle e The Congress le uniche segnalazioni degne di nota.
Nella sezione recensioni abbiamo visto Edge of Tomorrow e non è che ci sia molto da stare allegri.
Leggete tutto qui.

Labels: ,

Sunday, June 08, 2014

Lyrics of the Week + Video / MOLTHENI - IN CENTRO ALL'ORGOGLIO



Non credo agli altri non cedo ai ricatti
Di questo amore in decadenza
Vorrei parlarti lo faccio e infatti
Per me ha molta importanza
E all'improvviso c'è tanto freddo
Senza il calore del tuo corpo fragile
E non pretendo di avere ragione
È alquanto inutile
Perché
Non reagisco
Perché
Non mi rialzo
Senza di te

Io non mi illudo che tu abbia pazienza
E che tu pianga ancora per me
Nel bilancio di quello che manca
Non voglio escludere certo anche te
Non mi parli da giorni e comprendo
Quello che provi dentro poiché
Ti ho colpito in centro all'orgoglio
Credevo di vincere
Che cosa non so

Non mi comporto in modo corretto
E me ne sto rendendo conto
Equivocando ogni sguardo degli altri
Scivolo sempre più in fondo
E poi ho torto sempre più torto
Credi non me ne sia accorto
Corro piango e infine mi stanco
E intanto
E intanto
Non reagisco
Perché
Non mi rialzo
Senza di te

Io non mi illudo che tu abbia pazienza
E che tu pianga ancora per me
Nel bilancio di quello che manca
Non voglio escludere certo anche te
Non mi parli da giorni e comprendo
Quello che provi dentro poiché
Ti ho colpito in centro all'orgoglio
Credevo di vincere

Non mi parli da giorni e comprendo
Quello che provi dentro poiché
Ti ho colpito in centro all'orgoglio
Credevo di vincere
Credevo di vincere
Io crededevo di vincere
Che cosa non so
Che cosa non so
Che cosa non so

Labels:

Thursday, June 05, 2014

CINE20 - 146^ PUNTATA


Mentre il buon Kusa si prende una meritata pausa, lo stesso fanno le uscite in sala che sembrano non proporre nulla di particolarmente invitante.
Lo stesso non si può dire delle proposte home video che, attraverso una selezione di titoli orientali, ci tentano con The Berlin File, Merantau e The Chaser!
Online qui!

Labels: ,

Sunday, June 01, 2014

Lyrics of the Week + Video / ASH - GOLDFINGER



Move closer, set my mind on fire
Taking over, the world seems so alive
The world seems so alive

She slips into the night, and she is gone
Gone to settle the score, gone into the town
Rain shining in her eyes
Her brother started school
Again today, a thought to pass the time
To occupy my mind, while I'm waiting for her

Down in the basement, listening to the rain
Thinking things over. I think it over again
I think it over again

She slips into the night, and she was gone
Gone to settle the score, gone into the town
Rain shining in her eyes
Her brother started school
Again today, a thought to pass the time
To occupy my mind, while I'm waiting for her

I'm riding it down, listen to the rain
She'll be here soon, I lie back and drift away
I lie back and drift away.

She slips into the night, and she was gone
Gone to settle the score, gone into the town
Rain shining in her eyes
Her brother started school
Again today, a thought to pass the time
To occupy my mind, while I'm waiting for her

I'm feeling so alive, feeling so real
On a stormy night, the rain is coming down
Rain like never before
I've got some records on, some bottles of wine
On a stormy night, the rain is lashing down
And I'm waiting for her

Labels:

Thursday, May 29, 2014

CINE20 - 145^ PUNTATA


Grande lavoro del buon Kusa per questa nuova puntata di CINE20, che si apre sulla sua recensione di X-Men: Giorni di un Futuro Passato e prosegue con le news della settimana nelle quali solo Edge of Tomorrow sembra darci i giusti input per recarci in sala.
Nei negozi arriva il pluri-nomiato agli Oscar, American Hustle.
Tutto questo online qui.

Labels: ,

Wednesday, May 28, 2014

Visioninbreve : THE AMAZING SPIDER-MAN 2


Tra i tanti problemi del nuovo Spider-man di Mark Webb, molti ereditati dal primo film, c'è n'è uno in particolare che qui si affaccia in maniera prepotente: la fretta. Perchè è evidente da come si sviluppa la storia di questo secondo capitolo del reboot dell' arrampicamuri, che la Sony vuole costruire un universo narrativo articolato per il suo personaggio senza procedere per gradi. Forse per via del fatto che la Marvel si trova in una posizione di vantaggio con una struttura già complessa che inizia a poggiare le prime basi per il terzo film degli Avengers (ed il secondo non l' hanno neanche finito di girare), i produttori di Spider-Man hanno dato una significativa e forse troppo brusca accelerata. Detto questo, si continua a preferire lo Spidey di Raimi piuttosto che questa versione "Ultimate", troppo incentrata sul lato da commedia adolescenziale e con pochissime idee (molte sbagliatissime) quando si tratta di girare scene d' azione. Si salvano i villain (per i quali non si può non tifare) e l' adorabile Gwen Stacy di Emma Stone.

Labels: ,

Sunday, May 25, 2014

Lyrics of the Week + Video / ARCADE FIRE - WE EXIST



Walking around head full of sound
Acting like we don't exist
Walk in a room stare out through you
Talking like we don't exist

But we exist

Daddy it's true, I'm different from you
But tell me why they treat me like this?
You turn away, what could I say
Not the first betrayed by a kiss

Maybe it's true
They're staring at you
When you walk in a room

Turn on us fine
Stare if you like
Or just let us through
Just let us through

Down on your knees
Begging us please
Praying that we don't exist

Daddy it's fine, I'm used to them now
But tell me why they treat me like this?
Is it because we do it like this?

Maybe it's true
They're staring at you
When you walk in a room

Turn on us fine
Stare if you like
Or just let us through
Just let us through

Let them stare
Let them stare
That's all right with you

But lose myself
If it turn away from you

Daddy told him to wait
Mother, I'm so scared
But will you watch us drown?
You know that they will

You know that we're young
You know that we're confused
But will you watch us drown?
What are you so afraid to lose?

Down on their knees
Begging us please
Praying that we don't exist

We exist

Labels:

Thursday, May 22, 2014

CINE20 - 144^ PUNTATA


Mostri che si prendono a schiaffi in faccia, è questa la parziale ricetta di un Godzilla piacevole ma non completamente riuscito di cui trovate una recensione in apertura di rubrica.
Arriva in home video A Proposito di Davis mentre in sala, io e Kusa, vi consigliamo Maps to the Stars di David Cronenberg ed il ritorno di Bryan Singer con X-Men - Giorni di un Futuro Passato.

Online qui.

Labels: ,

Tuesday, May 20, 2014

Ninfomania portami via Vol. 2

Diviso, tagliato ed adattato anche senza la piena approvazione del regista, Nymphomaniac giunge alla sua naturale conclusione con un secondo volume che, perlomeno nelle speranze degli spettatori, avrebbe dovuto condurci alla fine del racconto della protagonista e di conseguenza anche a comprendere meglio le intenzioni di Von Trier. Se nel primo volume il desiderio sessuale annichiliva il bisogno di amare, in questa seconda parte seguiamo Joe nell' accettazione della sua natura e nella disperata ricerca di un piacere fisico ormai perduto. In Nymphomaniac il sesso non è certo un taboo ma un modo di esprimere la propria persona, la propria natura. Natura che non si può negare, pena una lenta e dolorosa autodistruzione. Un concetto non di certo nuovo e per il quale si fa fatica a capire la necessità di spalmarlo su quattro ore di chiacchiere (s)bilanciate dalle, forse volontarie, comiche razionalizzazioni dell' asessuato interlocutore Seligman. Anche qui si salvano alcuni momenti, capitoli e personaggi (quello di Jamie Bell su tutti) e qualche volta si riesce a scorgere il graffiante tocco del regista danese ma, sfortunatamente, la provocazione ed il contenuto esplicito delle scene di sesso, che tanto hanno giovato alla promozione del film, paiono in questo contesto assolutamente fini a se stesse. Difficile pertanto spostare l' asticella del gradimento molto lontana rispetto a dove si era fermata per la prima metà di questo progetto che vede un Von Trier ben lontano dai suoi ben più importanti film e molto più interessato a dar spettacolo nei principali festival cinematografici, come un bambino dispettoso che non accetta di essere stato rimproverato.

Recensione già pubblicata su CINE20.     


Labels:

Sunday, May 18, 2014

Lyrics of the Week + Video / FIRST AID KIT - CEDAR LANE



Rose after rose of passenger place
Headed out again, running all in vain
Motel blues, only bad news
I’m never looking for you
You’ll find me all the same

I lie awake at night envisioning
A trace from the past
This heavy heart of mine, it never fails
To bring me right back

Now I see us walking down Cedar Lane
Slowing, the sunshine passed in the rain
Tremble so swiftly all of those days
I still remember how you used to say
Something good will come out of this

Coast after coast, cities and states
My world’s an empty map where nothing remains
The place we belong is quietly gone
While we were making plans, it drifted away

I lie awake at night envisioning
A trace from the past
This heavy heart of mine, it never fails
To bring me right back

Now I see us walking down Cedar Lane
Slowing, the sunshine passed in the rain
Tremble so swiftly all of those days
I still remember how you used to say
Something good will come out of this
Something good will come out of this

How could I break away from you?
How could I break away from you?
How could I break away from you?
How could I break away from you?
How could I break away from you?
How could I break away from you?
How could I break away from you?
How could I break away from you?

Labels:

Thursday, May 15, 2014

CINE20 - 143^ PUNTATA


In questa nuova puntata di CINE20 chiudiamo il capitolo Nymphomanic con la recensione del Vol. II e ci dedichiamo alle nuove interessantissime uscite, curate dal buon Kusa, tra le quali si segnalano Godzilla, Solo gli Amanti Sopravvivono e Il Giardino delle Parole. Niente di nuovo sul versante home video.
Leggeteci qui.


Labels: ,

Wednesday, May 14, 2014

NO TURNING BACK

Un uomo stacca da lavoro e si mette in macchina ma, invece di dirigersi verso casa, imbocca l' uscita per l' autostrada per un viaggio notturno durante il quale tutte le certezze della sua vita, lavorativa e familiare, cambieranno per sempre. Stephen Knight, già autore della sceneggiatura de il bellissimo "La Promessa dell' Assassino" di Cronenberg, scrive e dirige un film dove nell' intimità della propria auto un uomo si trova ad affrontare, sia i demoni del proprio passato, ma soprattutto un dilemma morale che pone sui piatti della bilancia, da una parte tutto ciò che ha costruito come padre di famiglia/marito/lavoratore, e dall'altra quello che potrebbe diventare se non si facesse carico completamente della responsabilità dei suoi errori. Può un solo sbaglio, un solo momento di debolezza, compromettere una vita intera? Stephen Knight ci conduce alla risposta in novanta minuti serratissimi, narrati in tempo reale, con un' unica costrittiva location ed un unico personaggio che si relaziona con gli altri attraverso il telefono. Una sfida di regia e scrittura che Knight supera egregiamente trasformando i limiti in pregi, trovando nel montaggio e nello script tutto ciò che serve per non far avvertire nello spettatore alcun calo di ritmo. Trova inoltre nel grandissimo Tom Hardy l' interprete perfetto per il suo Ivan Locke (che da il nome al film) che, con una prova d' attore straordinaria, regala una performance incredibilmente intensa e commovente, reggendo quasi tutto il film sulle sue spalle.

Recensione già pubblicata su CINE20.


Labels:

Sunday, May 11, 2014

Lyrics of the Week + Video / DAMON ALBARN - EVERYDAY ROBOTS



We are everyday robots on our phones
In the process of getting home
Looking like standing stones
Out there on our own

We’re everyday robots in control
Or in the process of being sold
Driving in adjacent cars
‘Til you press restart

Everyday robots just touch thumbs
Swimmin’ in lingo they become
Stricken in a status sea
One more vacancy

For everyday robots getting old
When our lips are cold
Lookin’ like standing stones
Out there on our own

Little robots in ringback tones
In the process of getting home

Labels:

Thursday, May 08, 2014

CINE20 - 142^ PUNTATA


Locke di Steven Knight si rivela una vera e apprezzabilissima sorpresa mentre in sala l' unica cosa che ci sentiamo di consigliare, Kusa e io, è Princess Mononoke di Hayao Miyazaki.
Nei negozi trovate tre titoli interessanti, Il Quinto Potere, Il Tocco del Peccato e The Counselor.
Ci leggete qui, come sempre.

Labels: ,

Wednesday, May 07, 2014

"I think his world had vanished long before he ever entered it "

Sperduto tra le montagne di un imprecisato paese centro europeo risiede il Grand Budapest Hotel, rinomata struttura alberghiera che fin dagli anni '30 ha ospitato e coccolato i suoi facoltosi ospiti anche grazie alla indefessa professionalità del consierge Gustave H.. Quando una delle sue preferite ospiti/amanti viene trovata morta, l' uomo si scopre erede di un costosissimo dipinto, attirandosi però le antipatie della famiglia di lei intenzionata a far di tutto per far ricadere su Gustave la responsabilità della morte della donna. Attraverso un lungo e stratificato flashback, assistiamo così all'ultima meraviglia cinematografica di Wes Anderson che con sguardo nostalgico traccia un ritratto, in continuo equilibrio tra realtà e fantasia, di un preciso periodo storico, gli anni tra le due Guerre Mondiali, nel quale tutta l' Europa era sull' orlo di radicali trasformazioni pronta ad affrontare alcuni dei decenni più cupi della sua storia. Lo stesso Grand Budapest perde col tempo la sua fama ed il suo splendore riducendosi ad un, seppur affascinante, decadente mausoleo nel quale tener vivi i propri ricordi. Il regista americano coglie l' occasione per trasformare il rapporto tra mentore e allievo di Gustave e il giovane "Lobby Boy" Zero, nell' ennesimo tassello da incastonare nel mosaico di complesse, imperfette ed umane figure paterne di cui la sua filmografia è ricchissima. Ma nel proprio piccolo, ogni film di Anderson è un mosaico concepito con precisione matematica e Grand Budapest Hotel non fa certo eccezione: geometrico nella composizione dei quadri e nei movimenti di macchina, peculiare nelle scelte cromatiche, bilanciato tra commedia, dramma e pacato romanticismo, popolato da tanti personaggi interpretati da vecchie e nuove conoscenze del regista (all' esordiente Tony Revolori si affiancano Ralph Fiennes, Adrien Brody, Willem Dafoe, Jeff Goldblum, Jude Law, Saoirse Ronan, Bill Murray, Tilda Swinton e tanti altri), il film è una commedia dolce amara divertente e commovente, dove l' impronta del regista è onnipresente, riconoscibile a tal punto da far pensare che Wes Anderson continui a ripetere se stesso quando invece riesce ad essere sempre nuovo e diverso.

Recensione già pubblicata su CINE20.


Labels:

Sunday, May 04, 2014

Lyrics of the Week + Video / FLORENCE AND THE MACHINE - COSMIC LOVE



A falling star fell from your heart and landed in my eyes
I screamed aloud, as it tore through them, and now it's left me blind

The stars, the moon, they have all been blown out
You left me in the dark
No dawn, no day, I'm always in this twilight
In the shadow of your heart

And in the dark, I can hear your heartbeat
I tried to find the sound
But then it stopped, and I was in the darkness,
So darkness I became

The stars, the moon, they have all been blown out
You left me in the dark
No dawn, no day, I'm always in this twilight
In the shadow of your heart

I took the stars from my eyes, and then I made a map
And knew that somehow I could find my way back
Then I heard your heart beating, you were in the darkness too
So I stayed in the darkness with you

The stars, the moon, they have all been blown out
You left me in the dark
No dawn, no day, I'm always in this twilight
In the shadow of your heart

The stars, the moon, they have all been blown out
You left me in the dark
No dawn, no day, I'm always in this twilight
In the shadow of your heart

Labels:

Wednesday, April 30, 2014

CINE20 - 141^ PUNTATA


Mentre io mi sono arreso a mani basse, il buon Kusa (ispirato dalla bella Emma Stone) ha affrontato la visione del nuovo Spider-Man e nel contempo si è occupato anche di illustrarci le uscite della settimana, sulle quali vince senza rivali Locke di Stephen Knight.
Nei negozi arriva l' edizione Feltrinelli de L' Impostore di Bart Layton.
Siamo online qui.

Labels: ,

Tuesday, April 29, 2014

Ninfomania portami via Vol. 1

Parlare di Nymphomaniac di Lars Von Trier non facile per due motivi in particolare. Il primo dipende dal fatto che il film è stato diviso in due volumi, certamente più vendibili separati che in un unico blocco di oltre quattro ore. La divisione però costringe ad un giudizio monco in attesa di poter vedere la seconda parte e farsi un' idea definitiva. Il secondo motivo risiede invece nei tagli che sono stati apportati al film, epurato di alcune scene di sesso per facilitarne la distribuzione, sforbiciamenti comunque non operati ed approvati da Von Trier. Al di la di questi fattori però, due ora abbondanti danno già un' idea di che film ci si trova davanti e svelano subito il grande inganno operato dal regista danese e dalla memorabile campagna pubblicitaria: Nymphomaniac non è certo un porno e non c'è niente di quello mostrato da Von Trier che non si sia già visto o che sia stato rappresentato nel cinema in maniera sicuramente meno fredda e calcolata. Il fulcro narrativo del film risiede tutto nel confronto verbale tra la ninfomane Joe e l' anziano Seligman, tra l' ostinazione della prima nel voler dimostrare la correlazione tra la sua ossessione per il sesso ed il fatto che si senta un pessimo essere umano, e la razionalità anche un po' pedante del secondo. Il tutto è inframezzato dai classici capitoli alla Von Trier, esageratamente discontinui per forma e contenuto tanto da non riuscire a dare quel senso di coesione e compiutezza che invece ha caratterizzato le opere precedenti del regista, Antichrist e Melancholia. Difficile insomma empatizzare con il dolore della protagonista nel capitolo "Delirium" dopo il grottesco ma ben più convincente Mrs H. (straordinaria Uma Thurman). Ed ancora più difficile trovare qualcosa di cui scandalizzarsi, per questa o quella scena di sesso "esplicita", quando Nymphomaniac riesce ad essere davvero convincente nei momenti in cui strappa sincere risate pur raccontando una drammatica incapacità di amare. I dubbi (e forse anche qualcosa di più), insomma, ci stanno tutti ed è difficile immaginare come le restanti due ore di girato possano tirare tutte le somme tanto da ribaltare un giudizio non certo positivo.

Recensione già pubblicata su CINE20.


Labels:

Sunday, April 27, 2014

Lyrics of the Week + Video / BON IVER - CALGARI



Don't you cherish me to sleep
Never keep your eyelids clipped
Hold me for the pops and clicks
I was only for the father's crib

Hair, old, long along
Your neck onto your shoulder blades
Always keep that message taped
Cross your breasts you won't erase
I was only for your very space

Hip, under nothing
Propped up by your other one, face 'way from the sun
Just have to keep a dialogue
Teach our bodies: haunt the cause
I was only trying to spell a loss

Joy, it's all founded
Pincher with the skin inside
You pinned me with your black sphere eyes
You know that all the rope's untied
I was only for to die beside

So itʼs storming on the lake
Little waves our bodies break

There's a fire going out,
But there's really nothing to the south

Swollen orange and light let through
Your one piece swimmer stuck to you

Sold, I'm Ever
Open ears and open eyes
Wake up to your starboard bride
Who goes in and then stays inside
Oh the demons come, they can subside

Labels:

Thursday, April 24, 2014

CINE20 - 140^ PUNTATA


La settimana post-Pasqua vede la rubrica spoglia sia di recensioni che di segnalazioni per la sezione home video.
In sala invece troviamo due possibilità di scelta, che non vedono il sottoscritto e il socio Kusa esattamente d' accordo, entrambe poco convincenti, The Amazing Spider Man 2 e Nymphomaniac Vol. II.
Ci leggete qui.

Labels: ,