Thursday, May 08, 2008

"I'm working on something big"

Tony Stark, personaggio complesso, sfaccettato. Fabbricante d'armi e filantropo. Genio miliardario e super eroe. A differenza di altri eroi Marvel però, Tony Stark non ha poteri "inclusi" nel suo patrimonio genetico. Non è stato morso da nessun ragno radioattivo. Non è stato esposto a raggi Gamma. Nessun siero del supersoldato per lui. E' soltanto un uomo, carne dentro un guscio di metallo, batteria umana per l'armatura-esoscheletro da lui stesso costruita, corazza ipertecnologica che lo rende Iron Man. Considerato il peso che il personaggio ha avuto negli eventi che hanno portato ad una vera e propria rivoluzione della comunità supereroistica (il suo sostegno all' Atto di Registrazione e l' Iniziativa) era lecito e logico aspettarsi che anche Iron Man entrasse nella famiglia sempre più allargata degli eroi Marvel approdati al cinema. Ed è subito bene mettere in chiaro che, grazie alla regia di Jon Favreau e ad una sceneggiatura in grado di accontentare chi il personaggio non lo conosce e chi invece ne sa "vita , morte e miracoli", ci troviamo di fronte ad un bel film (giudizio da ridimensionare al genere di riferimento naturalmente) e probabilmente, insieme a Spider-Man, la migliore trasposizione cinematografica di un personaggio Marvel. La storia (o sarebbe meglio dire la genesi) è stata aggiornata e adattata ai giorni nostri: così il Vietnam diventa l' Afghanistan, dove il nostro Tony si trova con le truppe americane per presentare il nuovo prodotto delle sue industrie, il missile Jericho. Rapito da un gruppo terroristico che lo voleva costringere a ricreare per loro il nuovo missile, rimane gravemente ferito al cuore dallo scoppio di una bomba. Sfruttando il suo straordinario genio, costruisce un apparecchio in grado di mantenerlo in vita e di creare energia a sufficienza per muovere un prototipo di armatura da combattimento con la quale sbaraglia i suoi rapitori. Dopo questa sua (dis)avventura Tony prende coscienza della responsabilità delle industrie Stark nella diffusione globale delle armi e decide di sfruttare la sua ultima invenzione per sistemare le cose. Un dito puntato (e neanche troppo nascosto) verso la politica estera americana, trasposizione il più possibile fedele al personaggio dei comics e elementi classici da blockbuster, fanno di Iron Man un film godibilissimo dove viene dato tutto il tempo che serve alla definizione della figura di Tony Stark (personaggio che il grandissimo Robert Downey Jr. fa praticamente suo) e alla "nascita" del suo alter ego. Come vogliono i film di questo tipo, il giusto spazio è lasciato all' azione fracassona e agli effetti speciali che, con un budget all' altezza degli altri film dedicati ai super eroi, sono forse un po' più "spartani" ma realizzati comunque veramente bene. Poi (e con questo concludo) l' armatura, il suo assemblaggio, le sue funzioni, i raggi repulsori, è tutto meraviglioso, una vera goduria che i Marvel fan non potranno che condividere.

NOTE A MARGINE: volevo approfittare di queste note per parlare un po' della piccola, strepitosa scena dopo i titoli di coda (WOW!!!), invece vi parlero di una cosuccia che ho notato "girando" per il sito
imdb. Robert Downey jr. è accreditato nel cast del nuovo film The Incredible Hulk, con il personaggio di Tony Stark. E allora mi sorge una domanda: non è che la Casa delle Idee ha intenzione di creare un Universo Marvel cinematografico? Già ho i brividi (di piacere) al solo pensiero!!!

9 comments:

chimy said...

Non mi ha convinto per nulla la regia. Mi è mancata quella vertigine spettacolare che volevo (quella di "Spider-Man" per intenderci che, per me, è ben altra cosa).
Durante la visione spesso pensavo: "Ah se ci fosse Sam Raimi in regia..."...

t3nshi said...

Avevo letto di una possibile comparsata di Tony nel nuovo film di Hulk. E l'idea di un universo marvel cinematografico è una goduria immensa! (MAMMA MIA CHE SCENA FINALEEEE! C'è mancato poco che mi alzassi in piedi ad applaudire :D ).
Condivido l'entusiasmo per questo primo film di Iron Man, il miglior film marvel insieme ad X-Men 2 secondo me. Non condivido invece l'entusiasmo per i film di Spiderman, ma credo di essere uno dei pochi al mondo ^^'

Ciao,
Lore

nicolacassa said...

Mi è piaciuto tantissimo! Grande scena finale e grandissima ipotesi su universo cinematografico marvel!!

Killo said...

Eh si...voglio vederlo...Ieri ho visto 3ciento...una cagata...bruttissimo

Weltall said...

@chimy: ho capito bene cosa intendi dire e in fondo la regia di Favreau è forse un po' troppo piatta per un film di questo genere. Però non mi sento di condannarlo perchè tutto sommato il film funziona alla grande ^___^

@t3nshi: Anche io volevo applaudire, cacchiooooo ^___*!!!
Guarda, la cosa importante è che i personaggi Marvel vengano trasposti cinematograficamente rispettando il loro "comics background" (se così si può dire). Quindi alla fine, quali che siano i preferiti di ciascuno, la cosa importante è che siano riconducibili alle loro controparti cartacee ^___^
A questo punto incrocio le dita per il nuovo Hulk ^___^

@Nick: mi fa piacere che ti sia piaciuto!!! Evviva l' Universo Marvel cinematografico!!!

@killo: devi vederlo assolutamente!!! Almeno per provare a dimenticare 3ciento ^__*

heraclitus said...

giusto perché me lo dici tu, vedrò cosa posso fare per vederlo... ;-)

Weltall said...

@heraclitus: ok, ti ringrazio per al fiducia ^___*

Quadrilatero said...

Miii già mi viene l'acquolina in bocca a pensare ai vendicatori!

Ehi heraclitus! A me avevi detto che non ci saresti andato!! :-P
Ti fidi più di Weltall che di me?!? :DD

Weltall said...

@quadrilatero: anche a te viene l' acquolina ^__* Io sto già impazzendo ^____^