Wednesday, May 14, 2008

Far East Film Festival 10 - Day 7

MAGIC BOY
Regia di Adam Wong

Leggo è un aspirante mago illusionista che lavora come fattorino per un ristorante. Non ha intenzione di diventare un professionista ma preferisce usare i suoi trucchi per far sorridere la gente e fare colpo sulle ragazze, in particolar modo sulla commessa di un negozio di borse della quale si è innamorato. Il problema è che la ragazza pare essersi invaghita di Hei, amico di Leggo e suo maestro illusionista. Simpatica commedia sentimentale, divertente, colorata, che riesce a stupire più di una volta con alcune azzeccate soluzioni visive. Peccato che cada nei classici luoghi comuni del genere (il triangolo amoroso non manca così come l'incursione nel melò). Un film che non tradisce le aspettative del pubblico al quale si rivolge (principalmente adolescenti), che farà sorridere o sbadigliare tutti gli altri. Ma di questo non si può certo fargliene una colpa.
3/5

YOUR FRIENDS
Regia di Hiroki Ryuichi

Amicizia, sentimento che unisce due o più persone, alcune volte per anni, altre solo per pochi importanti minuti, grazie ad una parola o ad un gesto. Fotografia, finestra sul passato che unisce tante piccole storie a quella di una giovane ragazza costretta da un incidente a dover camminare per il resto della sua vita aiutandosi con una stampella. Questo è in poche righe la base su cui poggia il dramma giapponese Your Friend di Hiroki Ryuichi, un delicato e commovente viaggio nei ricordi, concreto come un' istantanea e leggero come una nuvola. Si potrebbe accusare il film (ed il suo genere in senso più largo) di cercare sempre la "lacrima facile" con l'immancabile tragedia, o ancora per un minutaggio decisamente sfiancante, ma non si può non tener presente la qualità registica di Hiroki (lunghi piani sequenza per l' 80% della pellicola) o la sua capacità di raccontare con sincerità generazioni più giovani della sua (cosa assai rara).
4/5

THE OTHER HALF
Regia di Lin Linsheng

Appurato che "female relationship drama" non significa "film con donne che fanno le cosacce" (capito Deiv?!? ^__*) andiamo ad esaminare questo film. Storia di tre donne (madre vedova e le sue due figlie) alla ricerca della loro completezza, della loro metà mancante (da qui il titolo), raccontata nella Pechino di oggi e ripresa con videocamera digitale e lenti grandangolari. Una vedova che vuole risposarsi, la figlia maggiore che vuole vivere da mantenuta e la figlia più piccola che pensa solo alla carriera e ad intrattenere una relazione con il suo capo, sono le protagoniste di questo film fatto di dialoghi taglienti e toni da commedia. Ma anche con tutte le buone intenzioni, il film non convince nel complesso, sia per alcune scelte tecniche, sia per dei dialoghi francamente insostenibili per lunghezza e quantità (ma questo difetto potrebbe essere direttamente riconducibile ai sottotitoli o alla mia stanchezza).
2/5

THE REBEL
Regia di Charlie Nguyen

Vietnamiti e calci in faccia. Questa la formula dell' action a sfondo storico The Rebel di Charlie Nguyen, che vede protagonista un agente della polizia vietnamita al soldo degli occupatori francesi, passare dalla parte dei ribelli a seguito di una crisi di coscienza per aver ucciso un ragazzo durante un attentato. Considerato il numero esiguo di film prodotti dall' "industria" cinematografica vietnamita (due all' anno pare sia la media) si può cercare di non essere troppo severi con un film francamente un po' deboluccio. Un adeguato contesto storico e una certa ricercatezza nella fotografia, non salvano il film dalla piattezza, sia nel racconto che nella caratterizzazione dei personaggi. Belle le scene di lotta (si è andati a vederlo soprattutto per quelle), anche se eccessivamente ripetitive [il calcio volante/rotante era una costante (ho fatto anche la rima)], merito delle straordinarie doti atletiche dell' attore/stuntman/sceneggiatore protagonista Johnnie Nguyen.
2/5

CROWS - EPISODE 0
Regia di Takashi Miike

Miike torna al Far East e anche se non di persona, ha realizzato un filmato per tutti gli spettatori del festival, introducendoci così alla visione del suo ultimo film. Crows - Episode 0 è incentrato sulla lotta fra studenti per la conquista della loro scuola. Genji, appena trasferitosi, vuole "detronizzare" Serizawa (attuale leader della coalizione studentesca dominante) e dimostrare al padre di essere in grado di succedergli alla guida del clan yakuza del quale è il boss. Film riuscito solo a metà purtroppo: la prima parte è in puro "Miike style" (i titoli di testa, la sequenza del "bowling"). La seconda cede il passo alla natura commerciale del progetto (la canzoncina e il balletto sono decisamente irritanti) dando fin troppo spazio alle facce bellocce dei protagonisti (si sente la mancanza dei suoi attori feticcio!). Sinceramente una mezz'ora in meno di risse a "calci e pugni tra ragazzi in divisa scolastica con pettinature assurde" avrebbe giovato e non poco al film, facendoci uscire dalla sala meno stanchi e un po' più soddisfatti.
3/5

7 comments:

chimy said...

Mi pento di non aver visto "Your Friends" a questo punto...
Il tuo blog io lo vedo perfetto...


Un saluto

Para said...

Anche io me ne pento. Ma forse a questo punto tutto quello che sulla guida sembra brutto è bello, visto che di solito è tutto il contrario. :)
Saluti.
Para

Anonymous said...

mi manca tutto... :(
Simone

t3nshi said...

Mi dispiace per la mezza delusione di Miike :(

nicolacassa said...

Dunque: Ho voluto vedere your friends a tutti i costi perchè adoro il "modo giapponese di rendere tutto tragedia e sfiga". Ho trovato però il film un tantino sottotono rispetto a tragedie come Sekachu e Tayou No Uta. Bello il finale, bravissimi come al solito gli attori!

The other half: Cagata galattica, al diavolo Deiv e le sue aspettative lesbo...

The rebel: me lo sono perso, stavo telefonando in Giapponeeee, però l'attrice carina!!

Crows: Qualche delusione, ma qualità a vagonate, il genio non si smentisce mai!! Indimenticabile la scena del Bowling!!!

A per finire VIVA AEI!! AEI-AEI-AEI!!

Weltall said...

@chimy: è stato una sorpresa anche per me. Forse uno dei migliori drammoni giapponesi che ho visto!

@Para: stando alla guida, in concorso ci dovevano essere 60 filmoni ^__*

@Simone: niente di strano considerato che senza la vetrina offerta dal festival difficilmente questi film avrebbero avuto la minima visibilità qui da noi!

@t3nshi: siamo rimasti un po' tutti dispiaciuti...specialmente lo zoccolo duro dei "miikiani" convinti ^__*

@Nick: Your Friends è uno dei migliori che ho visto. Al di la della storia con i suoi sviluppi prevedibili, l'ho trovato tecnicamente ineccepibile!

The Other Half...mamma mia!!!

The Rebel: credo che lo recupererai a breve grazie a tuo fratello ^__*

Crows: come ho scritto nel post, eccezionale la prima parte ma poi si allunga a dismisura perdendo il contatto con il genio del Maestro! Cominque gli ho dato 3 perchè è di livello più alto rispetto a tanti altri film che abbiamo visto ^__^

Weltall said...

@Nick: dimenticavo!!! A-E-I! A-E-I! A-E-I! ^__*