Tuesday, June 23, 2009

"You probably think this world is a dream come true... but you're wrong."

Durante le mie "immersioni" nelle pagine del libro di Gaiman (due al momento e a distanza di un paio d'anni) mi sono sempre immaginato che Coraline, favola che fonda le propri basi sull' immaginario fantastico e pauroso tipico dell' infanzia, fosse terreno fertile per le visioni burtoniane. A dirigere la trasposizione cinematografica però c'è Henry Selick regista che ancora in tanti confondono con Burton quando si tratta di Nightmare Before Christmas. Perché se al buon Tim si deve attribuire la paternità del progetto, è di Selik la mano che gli ha dato vita. Che poi dopo quell' esperienza abbia fatto suoi gli insegnamenti burtoniani questo è un dato di fatto ed è anche un bene considerati i risultati raggiunti con Coraline. Quello che colpisce e a pelle ci convince già dai primi minuti che ci troviamo di fronte ad un prodotto, d'animazione nello specifico ma cinematografico in generale, di altissimo livello, è la maniera in cui i mondi immaginati da Gaiman prendono vita nelle immagini di Selick attraverso un meraviglioso gioco di contrasti che vede la nostra realtà, ambientazioni cupe e atmosfere uggiose e grigie di fine estate, contrapporsi con le meraviglie e le esplosioni di colore che pullulano nell' altro-mondo. Una giostra di stupefacente impatto visivo che lascia affascinati e rapiti anche quando lentamente e inesorabilmente la magia cede il posto all' inquietante e unica vera natura del mondo-trappola imbastito dall' altra-madre. Ma i meriti di Henry Selick vanno bel oltre questo: lo straordinario lavoro tecnico/registico (ricordandoci l'enorme mole di lavoro che comporta girare un film di questo tipo) sarebbe stato unicamente fine a se stesso nel caso il testo originale fosse stato ridotto a mera favoletta senza arte ne parte. Selik dimostra invece di essere riuscito a fare suo il libro di Gaiman e di aver portato con successo sullo schermo le sensazioni che trasmette e quelle atmosfere che ne permeano le pagine. Ed è cosi che tanto il libro quanto il film riescono a raggiungere la parte di noi ancora legata ai ricordi d'infanzia, il gusto per il gioco, la voglia d'esplorazione, l'emozione per la scoperta, il fascino e la paura per ciò che si cela nel buio. Magari non risulterà difficile riconoscersi nel personaggio di Coraline, nel suo bisogno d'attenzione, nella sua voglia di essere speciale, nello scoprire che tutto ciò che si desidera ha un prezzo da pagare. In definitiva c'è un intrecciarsi perfetto di elementi che concorrono ad elevare il film si Selick tra le cose migliori viste in questa stagione (2008/2009) dove il cinema di animazione ci ha regalato non poche gioie. E se non uso quell' aggettivo che finisce per "apolavoro" è solo perché mi scappa un po' troppo spesso quando le emozioni di film come Coraline mi travolgono. Ma l'ho pensato e non una volta sola.

20 comments:

Inenarrabile said...

Magari me lo procuro questo "apolavoro" :)

Chimy said...

Assolutamente d'accordo. Fra le migliori cose viste nella stagione e forse non solo.

Domani, come sai già, seconda visione per me :)

Un saluto :)

Vision said...

bella recensione...
...Burton ha firmato, o meglio disegnato, un altro capolavoro...certamente da non perdere;
io lo vedrò al cinema uno di questi giorni, e so già cosa mi aspetta...

ciao e a presto!!!

kusanagi said...

Non escludo di tornare a vederlo, come ho gia' fatto per l'altro 'apolavoro di quest'anno ... Watchmen.

Bellissimo il nuovo header, secondo me quella e' l'immagine che piu' sintetizza il film, meglio di quella tutta colorata che c'e' in giro ...

Leggero' anche il romanzo, mi sa, a questo punto ...
E a tal proposito, cosa significa la frase finale dopo i titoli di coda?

Weltall said...

@Inenarrabile: recuperarlo è un imperativo ^__*

@Chimy: arrr...anche io vorrei dedicargli una seconda visione!!! ^__^

@Vision: ti ringrazio ^__^ Non credo rimarrai deluso ^__*

@kusanagi: una secondo visione ci vorrebbe proprio!!!

Per quel che riguarda quella frase, ho letto che è legata ad un concorso: si doveva inserire la parola (nella versione originale mi sembra fosse Jerk Wad o qualcosa del genere) nel sito americano per popter vincere un paio di Nike fatte apposta per il film. Nel sito italiano non ho trovato niente di tutto questo ^__^"

kusanagi said...

Vedo con piacere che anche tu sei l'incubo degli inservienti del cinema, e aspetti fino alla fine fine fine dei titoli di coda :D
Così ti sei potuto godere come me il gioco dei topini saltatori in 3D, bellissimo ...
Cmq da me la parola era animale.

kusanagi said...

ho capito cosa c'entrava la parola... avevi ragione, in USA era Jerk Wad, ed era per il discorso delle Nike.
Da noi, siccome Jerk Wad è stato tradotto con Animale durante il film, allora l'hanno messo anche lì alla fine ... come solito non capiscono nulla, ma apprezziamo lo sforzo ...
Anche perchè Jerk Wad ha un senso leggermente più forte di Animale ...

http://www.urbandictionary.com/define.php?term=jerk%20wad

Weltall said...

@Kusanagi: Yes! Io sono proprio uno di quelli che vengono guardati con odio dagli inservienti sopratutto quelli che si occupano degli ultimi spettacoli ^__*
Ed effettivamente mettere la traduzione letterale di Jerk Wad alla fine, avrebbe scioccato quei pochi genitori con figli che c'erano in sala ^__*

Riccardo said...

Oggi lo vedrò finalmente!!

Weltall said...

@Riccardo: aspetto di conoscere il tuo giudizio allora (che spero sia moooolto positivo ^__*)

Anonymous said...

Grandissimo spettacolo visivo-emotivo. Una vera sorpresa per me che di animazione ne mastico troppo poca.
Ale55andra

Weltall said...

@Ale55andra: un film veramente bellissimo ^__^ Bisogna che pian pianino ti avvicini all'animazione perchè, come hai potuto constatare con Coraline, da grandi soddisfazioni ^__*

Mr. Hamlin said...

Personalmente l'ho apprezzato molto, moltissimo. Ma neppure io ho usato il termine capolavoro. Non perché anche a me "scappi troppo spesso", quanto perché - per quanto mi sia piaciuto molto - trovo gli manchi comunque qualcosa per essere un capolavoro. Non saprei neppure bene io che cosa.

Riccardo said...

visto.. ed è un film assurdo! bellissimo da tutti i punti di vista..
le atmosfere sono agghiaccianti ed evocative e il senso del film è uno splendido esempio di come la morale di una favola può toccare il cuore di tutti gli adulti attraverso una storia che parla di una bambina e del suo desiderio di essere amata un pò di più..
non c'è che dire, questo film merita parecchio!!

nicolacassa said...

Sembra bellissimo! Da recuperare!

Weltall said...

@Mr Hamlin: verissimo! Anche io ho avuto la stessa sensazione che gli manchi proprio qualcosa (pochissimo) per urlare al capolavoro. Rimane comunque una delle cose più belle della stagione e, sono pronto a scommetterci, anche dell' anno ^__*

@Riccardo: esatto! Uno degli aspetti vincenti del film sono anche i diversi piani di lettura sotto i quali lo si può esaminare. Davvero uno splendido esempio di Cinema ^__^

@Nick: assolutamente ^__*

Quadrilatero said...

Uffaaaa :(
Continuo a rimandare la capatina al cinema.

Weltall said...

@Quadrilatero: non rimandare ulteriormente!!! E' un film che merita di essere visto in sala ^__^

panapp said...

Ho contato i giorni a partire da -100 attendendo l'uscita del film, e poi purtroppo sono riuscito a vederlo solo ieri dopo giorni e giorni di logorante attesa fomentata dai favolosi video di making-off che girano su Internet. E l'attesa è stata ripagata: il film è semplicemente ECCEZIONALE. Avevo letto il libro subitissimo, comprato il giorno stesso che è uscito perché Gaiman lo reputo un genio da sempre, da Sandman, forse da prima ancora e manco lo sapevo, e con Coraline s'era confermato un narratore eccezionale. Ora il film non fa altro che rendere ancora più straordinario, se possibile, il suo lavoro portandolo ad un livello superiore persino a Nightmare Before Christmas (che resta comunque il mio inarrivabile cult). Ne scriverò una recensione appena avrò tempo, in questo periodo d'esami non c'ho manco una mezz'ora per mangiare!

Weltall said...

@Panapp: oh, mi sa che siamo proprio d'accordo ^__^
Selick è riuscito a catturare lo spirito del racconto di Gaiman in maniera perfetta. Per non parlare poi del livello d'eccellenza raggiunto dall' animazione passo-uno...un film che per me è già nella top-three della stagione!!!
Attendo una tua recensione ^__*