Wednesday, January 30, 2008

"It's not about me anymore, it's all about him"


And I'm also hesitating by temptation lest it runs

Which it don't follow me

But I'm not there, I'm gone

Sono fermamente convinto che cercare di racchiudere la vita di un artista in un film, cantante o attore non importa, sia cosa impossibile. Impossibile catturare l'essenza della persona, molto più facile sfiorare il personaggio, i momenti di gloria e le cadute. Todd Haynes non ha la presunzione di fare un film sulla vita di Bob Dylan ma ha il coraggio di prendere la struttura classica di un biopic e di reinventarla. Crea qualcosa di nuovo di inafferrabile, di inclassificabile.
Così la storia di Bob Dylan diventa la storia di sei personaggi:
Jude Quinn
Arthur Rimbaud
Jack Rollins
Billy The Kid
Woody Guthrie
Robbie Clark
Sei storie, sei volti, sei momenti di vita, sei aspetti della vita di Dylan. Perchè lui è in ognuno di loro e allo stesso tempo non c'è. Inutile soffermarsi a raccontare la trama, descrivere singolarmente le sei storie. Inutile perché, non è conoscendo le loro vicende che riuscirete a "catturare" questo film, a percepirne i confini, le strade intraprese, i vicoli ciechi. Haynes non ci sta ad una narrazione lineare, frammenta le storie, le mischia insieme senza perdere di vista un filo conduttore coerente per quanto impercettibile. L'alternarsi delle storie procede con un cambio continuo di stili registici, dai più classici a quelli quasi documentaristici, dal bianco e nero al colore. Insomma da qualsiasi parte lo si voglia prendere, questo film è "come le nuvole mosse dal vento" e questo lo rende ancora più affascinante se si pensa alla figura che l'ha ispirato, mutevole, ingombrante, ma che in questo caso occupa solo un piccolo spazio propri prima dei titoli di coda.
Non si spaventi chi non conosce Dylan oltre le sue canzoni. Io stesso so ben poco della sua vita e degli aneddoti che hanno ispirato i sei racconti che costituiscono il cuore del film (a parte forse quello con Richard Gere in qualche modo collegato al ruolo recitato da Dylan nel film di Peckinpah "Pat Garret & Billy The Kid"). Non è necessario conoscere un pittore per apprezzarne i dipinti dopotutto. Le immagini sono universali così come i temi trattati, ognuno è in grado di afferrarli e tradurli in base alla propria sensibilità. La musica poi ( e che musica)...bè, quella arriva direttamente al cuore.

13 comments:

Miky said...

quindi.. promosso a pieni voti?

chimy said...

Un film che ho amato alla follia. Uno dei migliori dello scorso anno per me e il vincitore morale del Leone d'oro a Venezia... geniale.


Ciao

Arte said...

anche questo film mi ispira!!

nicolacassa said...

Questo dev'essere bello!!

Killo said...

Mi manca anche questo...

Cineserialteam said...

Devo vederlo. Come tanti altri.

Lorenzo t3nshi said...

Film molto bello.
E' vero che non è importante conoscere a fondo Dylan per apprezzarlo, però se avessi saputo qualcosa in più sulla sua vita e sulle sue canzoni credo che il film mi avrebbe fatto un altro effetto.

La prima visione mi è servita per decidere di avventurarmi nel mondo di Dylan, a breve penso che lo rivedrò per avere un'idea più chiara :)

Cate Blanchett all'ennesima potenza!

(bellissimo anche Velvet Goldmine, sarà che adoro quel periodo musicale!)

Edo said...

Bellissimo! La regia di Haynes è sensazionale, il cast pure: ogni attore è perfettamente in parte (e la Blanchett è la Blanchett!).

Weltall said...

Miky: direi proprio di si ^__^

@Chimy: un film geniale senza dubbio, che riesce a caricarti di emozioni sin dalle prime immagini...bello veramente!

@arte: guarda, secondo me metita tantisssssssssimo ^___^

@Nick: lo puoi dire forte ^__^

@killo: amico mio...da recuperare ^__^

@cineserialteam: io questo lo metterei in "priorità di recupero" ^___^

@lorenzo: anche a me questa visione mi ha messo voglia di approfondire la vita di Dylan e epr fortuna nel dvd del film edito da Feltrinelli c'è un bel libro proprio adatto allo scopo ^__*
Cate Blachett superba! Ma anche il resto del cast mica scherza ^__*

@Edo: la regia è veramente sorprendente ed è impossibile muovere critiche a nessuno degli attori...eccezionali!!!
Lo voglio già rivedere ^__*

Deneil said...

me lo son procurato giuto ieri...cerco di vederlo al più presto..l'entusiasmo è forte dalle tue parole!

Weltall said...

@deneil: bravo! Questo film è veramente bello, bello, BELLO ^__*

Edo said...

Ho visto oggi che danno il dvd a 14 euro con ciak... Tu l'hai preso? Se sì come sono i contenuti speciali?

Weltall said...

@edo: io ho preso l'edizione Feltrinelli a 16,90. I contenuti extra del secondo dvd sono:
Making of
Intervite a Christian Bale, Charlotte Gainsbourg, Richard Gere
Conversazione con il musicologo Franco Fabbri
Trailer

In più, solo in questa edizione, il libro "Canzoni d' Amore e Misantropia" di Alessandro Carrera

Non male a questo prezzo, vero ^__^?