Friday, November 07, 2008

"E voi che cazzo avete fatto ultimamente?"

E si che Wanted si candida (con altissime probabilità di dare un grande distacco agli altri concorrenti) a "Film più Tamarro dell' Anno", ma vogliamo forse fargliene una colpa? O vogliamo star li forse a setacciare una trama votata a "l'impossibile a tutti i costi" o puntigliosamente far notare quanto i personaggi siano appena abbozzati e privi di spessore? Bé, io sinceramente non me la sento proprio perché, per quanti difetti gli si possano imputare, io sono uscito dalla visione del film di Timur Bekmambetov contento come un bambino. Questo perché quando un film fondamentalmente vuoto come Wanted si propone allo spettatore in maniera onesta, io non me la sento di attaccarlo e me lo godo per quello che è. Di onestà si parla e non a caso, perché fin dai primissimi minuti, a scanso di equivoci, vengono messe bene in evidenza le carte in tavola: un uomo prende la rincorsa in un corridoio, lo spostamento d'aria fa volare fogli, sposta persone. Arriva ad una vetrata, la sfonda e durante il salto di diverse decine di metri per raggiungere il palazzo di fronte, spara ai cecchini sul tetto. E i proiettili curvano, aggirano gli ostacoli e volano per chilometri attraverso appartamenti, treni in corsa, prima di raggiungere, con una precisione mostruosa, il proprio bersaglio. Se al termine di questa sequenza pensate solo "che cazzata gigantesca!" allora è meglio se sospendete la visione, non vi fate del male ulteriormente. Ma se invece avete la mascella a penzoloni ed applaudite in preda all' euforia, bé, forse il caso che vi mettete comodi e vi godete lo spettacolo perché siamo solo all' inizio. Infatti ancora non abbiamo fatto la conoscenza del protagonista, Wesley Gibson, un impiegatuccio vessato dall' obesa capo ufficio, fidanzato con una ragazza che lo tradisce con il suo migliore amico e vittima di violenti attacchi di panico. Vive tutto questo in maniera distaccata, almeno fino al giorno in cui viene avvicinato dalla Confraternita, una associazione di assassini che da mille anni conservano l'ordine naturale delle cose uccidendo determinati ed influenti personaggi. Ma un ex affiliato vuole distruggere l'organizzazione e ha preso di mira Wesley in quanto figlio di un membro della Confraternita. E adesso anche lui verrà addestrato per diventare un killer professionista e scoprirà che i suoi attacchi di panico altro non sono che il suo istinto assassino che cerca prepotentemente di emergere. Basato sull' omonimo fumetto di Mark Millar (genio!!!), Wanted è un action puro con l'unico obiettivo di stupire e intrattenere. Bekmambetov punta tutto su questo e centra l'obiettivo regalandoci sequenze su sequenze veramente mozzafiato (spettacolare quella del deragliamento del treno). Cerca il divertimento non la profondità. Vuole l'emozione non la riflessione. E se per farlo i proiettili devono curvare, ben vengano i proiettili che curvano, dico io.

6 comments:

nicolacassa said...

che figata!!!!!

panapp said...

Ecco, lo volevo andare a vedere, sapevo che era puro intrattenimento ben confezionato (e con Angelina Jolie), ma la mia ragazza ha insistito per non andarci assolutamente. Bene.

AmosGitai said...

E' chiaro che se ti metti lì a calcolare tutti i concetti di fisica, di logica, di narrativa che distrugge allora... BRUCIALO!
Ma WANTED è un fantasy e da fantasy lo devi valutare. In un fantasy i proiettili possono curvare la loro traiettoria e così via... altrimenti dovremmo stroncare anche film come SUPERMAN (come fa un uomo a volare con un mantello?), SPIDER-MAN (come fa una ragnatela a sorreggere il peso di un uomo e soprattutto come può un uomo produrla spontaneamente)...
Visto in settimana, ne farò recensione a breve... mi tocca prima stroncare AWAKE - ANESTESIA COSCIENTE!

Weltall said...

@Nick: figatona ^___*

@panapp: eh si, anche io volevo vederlo al cinema ma l'ho perso!!! Comunque recuperalo. Merita una versione casalinga...anche perchè la Jolie ci mostra per pochi secondi le sue adorabili chiappe tatuate ^__*

@amosgitai: ed infatti sempre così bisognerebbe fare: giudicare ogni film per quello che è inserendolo nel suo giusto contesto. Ammetto però che non è sempre facile farlo.
Aspetto di leggere la tua stroncatura ^__^

Deneil said...

d'accordissimo!e lo sbotto dell'impiegatuccio verso l'obesona???fantastico.....

Weltall said...

@deneil: uuuh siiii! Molto goduriosa! Un po' come quando spacca la faccia al "migliore amico" con la tastiera del pc ^___*