Tuesday, May 29, 2007

Per me esiste un solo numero 23: Michael Jordan

Me la sono voluta. Mi aspettavo la batosta già al sentir parlare di Joel Schumacher. Il soggetto del suo ultimo film sembrava pure interessante ma sapevo che sarebbe arrivata e infatti, puntuale, eccomi qua a farne le spese. Dovete sapere che Joel (siamo in confidenza) è nella mia lista nera da quando riuscì a trasformare Batman in un fenomeno da baraccone. Forse nella sua mente contorta pensava che il vero Cavaliere Oscuro fosse quello del telefilm degli anni '70 e non il personaggio nato sulle pagine dei fumetti. Ma mi sto allontanando dal fulcro del discorso: il caro Joel credeva bastasse il piacevole "In linea con l'assassino" (Phone Boot) per farsi perdonare e, proprio quando cominciavo a dargli fiducia ecco che sforna il piattissimo Veronica Guerin e questo The Number 23 (Il fantasma dell' Opera l'ho saltato apposta perché non l'ho visto). Il protagonista è Walter Sparrow (curioso che al momento ci sia un omonimo ben più famoso al cinema), interpretato da uno sprecato Jim Carrey, abile accalappiacani di professione e devoto marito/padre di famiglia nel privato. Per un curioso gioco del destino, la moglie trova in libreria un libro che già da lontano la colpisce. La copertina, di un rosso sbiadito e segnato dal tempo, reca un titolo inquietante: The Number 23 - un racconto di ossessioni di Topsy Kretts. Lo compra e lo regala al marito che inizia a leggerlo avidamente. Tra quelle pagine consunte e battute a macchina Walter trova, seppur con le dovute differenze, tanti frammenti che sembrano appartenere alla sua vita. Ma quello che lo cattura maggiormente è l'ossessione per il numero 23 di cui il protagonista, il detective Fingerling, sembra essere schiavo. Questo numero compare dappertutto, date, nomi, colori, indirizzi, numeri di telefono e sembra condurre lentamente Fingeling alla pazzia. E così Walter, che vede riflesso se stesso in Fingerling, si accorge che quel numero è presente in maniera costante nella sua vita e negli avvenimenti che l'hanno segnata. L' ossessione per il numero lo porta a volerne scoprire il significato che cela, investigando sul libro e sul suo autore. Le sue ricerche e una serie infinita di coincidenze lo conducono all' omicidio di una giovane universitaria. Il suo assassino è in carcere da anni ma Walter sospetta che potrebbe essere innocente. Non tutte è da buttare in questo The Number 23: la sceneggiatura di Farnley Phillips funziona bene specie nella parte iniziale quando la narrazione procede parallela tra la vita di Sparrow e la storia di Finderling. Peccato che si perda irrimediabilmente quando nel finale si cerca di incastrare tutte le coincidenze per dare coerenza e credibilità a tutto quello che ci è stato propinato durante la visione. Ma Schumacher non sta al passo e, optando per due registri diversi per Sparrow e Finderling (thriller e noir rispettivamente), non ne azzecca mezza dimostrando una pretenziosità alquanto irritante. E poi qualcuno mi sa spiegare a che pro questa follia del numero 23? Quale funzione ha nel film? Il riemergere del rimosso? Dimostrare che c'è lo zampino del diavolo dietro tutto (2 diviso 3 = 0,666)? O è solo la paranoia contagiosa di una mente deviata? Perché, anche se tutti i numeri con cui ho a che fare ogni giorno riconducessero al 23, non credo mi procurerebbe più preoccupazione di uscire senza l'ombrello quando piove.

14 comments:

Evan said...

You saw it!!!!!
Do you like it?? I saw the beginning part of it on the bus to NYC but didn't finish...... I'll go reant it, too. now I am like you, have too many films to wacth!

And, hey I drew a miss Pupu today and she rocks!

Mel wants me to tell you this, "Ti amo!!"

:)

Miky said...

D'accordissimo sul pessimo Schumacher degli ultimi tempi,anzi aggiungo che io "in linea con l'assasino" non l'ho neppure digerito, un Farrel che non riesco a farmi puacere in qualsiasi salsa io lo guardi, il fantasma dell'opera l'ho visto pr i primi 10min e poi ho staccato tutto, troppa "opera" Per me il miglior Schumacher rimane in "Linea Mortale" e nel Cliente..anche se mi manca ancora qualche titolo alla sua filmografia. questa ultima sua fatica, vorrei cmq vederla, sto cercando una versione decente che giri su emule a dir la verità :P ho letto tutte le critiche pessime, ma amando Carrey... magari in una sera che non ho nulla da fare... XD

andrea said...

ancora Spiler...

scusa ma in alto non potresti scrivere un breve parere, una sintesi, un voto e soprattutto indicare che si tratta di SPOILER!!!

Weltall said...

@evan: yeah I've seen it and...what a bad movie!!! I'm really disapponted 'cos Schumacher wanted to make a sofisticated thriller but he has just done a lot of "pupu" ^____*

I want to see her ^____^

Say this to Mel: "you're always kind, my friend ^_______^"

@Miky: Schumacher è così, che ci volgiamo fare...comunque Linea Mortale non mi era dispiaciuto...era piuttosto inquietante.
Anche a me piace jim Carrey ma qui mi sembra veramente sprecato. Se lo guarderai poi fammi sapere.

@andrea: amico con te è una guerra persa vero ^____* ? O abbiamo due modi differenti di intendere il termine SPOILER, o stai cercando deliberatamente di farmi impazzire ^__________________^
Ti assicuro che non c'è niente in quello che ho scritto che tu non possa trovare in centinaia di altri siti o che ti possa in qualche modo rovinare la visione (per quello ci pensa già il film ^___*). Se volevo "spoilerare" ti dicevo chi è l'assassino della ragazza...e siccome il film fa pietà quasi, quasi te lo dico ^_____*
Non credo che per il momento cambierò il modo di presentare i film sul blog. Quello che scrivo viene naturale...se scrivessi deliberatametne di meno sarebbe una forzatura, non credi ^____^? E poi non mi piace dare voti anche perchè non è una cosa per niente semplice. Lo faccio già su Kerotan-gt e ogni volta è una tragedia. Grazie d'avere comunque la pazienza di leggere ^___________^

nicolacassa said...

Per me esiste solo uno Spoiler...mio fratello Spatulet!

dreca said...

beh, a me questo aveva incuriosito, ma tanto per cambiare non sono riuscita ad andare al cinema a vederlo, tu l'hai stroncato in toto, strano, non ha prioprio nulla che lo salvi?

Gianmario said...

A me questa storia dei numeri non convince per niente, di solito finisce in un nulla di fatto. Di questo film ne ho sentito parlare bene o male quindi direi che non spendero sei euro e 50 per vederlo al cinema :) Comunque sono arrivato a vedere Pigreco - Il teorema del delirio proprio perche' consigliato da un amico che ha visto Number 23, quindi da un certo punto di vista lo ringrazio (che discorso confuso...).

Il mio blog e' pieno di spoiler :P Ma essendo un blog son cavolacci miei :P

Hola

Evan said...

eheheh, ok then, so it's a pupu movie..............!!!! But did Carrey do a great job or did a pupu, too???

My miss Pupu has a headache today and she pukes like hell!!!!!!!!!!!

Weltall said...

@Nick: Infatti! Lui e solo lui è l'unico inimitabile "tooler"

@dreca: guarda tutta questa storia della numerologia non è per niente accattivante come pensavo...se fosse rimasta un po' di credibilità almeno da quel punto di vista, qualcosa avrei salvato.

@gianmario: ^____^ tranquillo ho capito cosa volevi dire! Credo che Schumacher e Aronofsky siano su due pianeti differenti e parecchio distanti.
Per quanto riguarda gli spoiler io cerco di starci attento il più possibile ^____*

@evan: Carrey is a good actor but do a good job in a "pupu" movie, is not that easy ^_____^

I want to see her when she feels better ^____*

heraclitus said...

vedendo il trailer al cinema sembrava quasi carino, veramente peccato.
in linea con l'assassino mi era piaciuto, sì.
i batman solo i primi due di burton, ma ne aspetto ancora uno milleriano...

Weltall said...

@heraclitus: un trailer traditore come spesso accade ^____^
Un Batman milleriano sarebbe...WOW!
Ma anche Nolan con il suo Batman Begins non ha fatto un lavoro malvagio, anzi!

davide said...

Ehi! Per caso avete tirato in ballo il buon spatulet?

andrea said...

allora ... se mi confermi che non sono "spoiler" leggerò sino in fondo i tuoi articoli ....

... ti confido che inizio sempre a leggere e dopo le prime 10 righe inizio a temere e smetto !!!

hai fatto bene a chiarirmi le idee ;-) ciao

Weltall said...

@Deiv: no no. Si parlava di un certo "furgonet"...^____*

@andrea: tranquillo ^____^ Mi piace troppo il cinema per rovinare la visione dei film agli altri ^____*
L'unica cosa che ti può fermare da leggere i miei post è la noia...perchè effettivamente sono un po' lunghi ^___^