Wednesday, May 02, 2007

Meraviglie in Stop-Motion

Wallace è un simpatico e strampalato inventore con un' insana passione per il formaggio. Gromit è il suo cane, sveglio e intelligente forse anche più del padrone. Insieme sono una coppia straordinaria e una squadra affiatata quando si tratta di lavoro. Il dinamico duo si occupa infatti di "disinfestazioni" e sono conosciuti come Anti-Pesto: in pratica proteggono e ripuliscono gli orti degli abitanti del loro ridente paesino inglese nel Lancashire, dagli sgradevoli divoratori conosciuti come conigli. Forniscono tutto il necessario, dalle trappole (dopotutto Wallace è un inventore) alla cattura degli "intrusi" direttamente sul campo. Il loro servizio è molto richiesto, specialmente ora che si avvicina l' esposizione delle verdure giganti organizzata da lady Tottinghton di cui Wallace è innamorato. Ma cosa succede ai conigli catturati? Vivono tranquilli e nutriti nello scantinato di casa Wallace...almeno finché il loro numero non comincia a diventare un problema. Per risolverlo, Wallace decide di utilizzare una delle sue ultime invenzioni con la quale condizionerà mentalmente i conigli spegnendo in loro il famelico bisogno di verdura. Qualcosa però va storto e solo su un coniglio si ottengono gli effetti sperati. La stessa notte, una creatura mostruosa fa la sua comparsa divorando e saccheggiando gran parte degli orti in città. Wallace e Gromit vengono incaricati per catturare la creatura in modo che l'esposizione di Lady Tottington non venga rovinata. E la dovranno trovare prima di Victor Quartermaine, spietato cacciatore intenzionato ad uccidere la bestia e a mettere le mani sul patrimonio di casa Tottington. Ecco un'altro film nella mia personale lista di titoli da recuperare, che da troppo tempo stava aspettando. Ed è un vero peccato perché qui siamo di fronte, senza alcun dubbio, ad una vera perla nel panorama dei film d'animazione specie per quel che riguarda il lato puramente "tecnico". Wallace & Gromit sono due personaggi creati dalla fantasia di Nick Park. Protagonisti finora di tre cortometraggi, La Maledizione del Coniglio Mannaro può considerarsi a tutti gli effetti il primo lungometraggio dedicato alle creature di Park. Ogni singolo personaggio, modellati con la plastilina con uno scheletro di fil di ferro, viene animato con la tecnica dello stop-motion o passo-uno (alcuni esempi illustri sono i "burtoniani" Nightmare Before Christmas e La Sposa Cadavere). Tutte le sequenze del film, magistralmente dirette da Steve Box e dallo stesso Nick Park, sono realizzate perciò fotogramma per fotogramma. Non è difficile immaginare l' immensa mole di lavoro per realizzare questo fantastico film che l' Accademy non ha potuto certo ignorare (non per niente questa pellicola ha vinto l' Oscar come miglior film d'animazione del 2006) Il risultato finale è un film bello a vedersi, godibile e assolutamente indicato a tutte le fasce d' età. Non fate come me: non aspettate oltre se non l'avete ancora visto!

7 comments:

heraclitus said...

non l'ho visto (e ti pareva).
deve essere assai dura girare un lungometraggio con personaggi di plastilina.
vedrò di rimediare anche a questa mia mancanza.

Walker Elmas Ranger said...

L'autore di questi lungometraggi è grande amico di Miyazaki e della Ghibli, infatti al museo Ghibli di Miitaka ci sono diverse sale dedicate SOLO a lui e alle sue tecniche di modellazione, con i tavoli di lavoro ricostruiti e le plastiline nelle varie fasi di modellazione e ripresa!

Weltall said...

@heraclitus: si, dev'essere proprio un lavoraccio...i risultati però sono incredibili!!!

@Nick: è una cosa molto bella e importante che ci sia questo "link" tra due mondi assolutamente diversi per quel che riguarda il cooncetto stesso di "film d'animazione"

Accakappa said...

ah, che film meraviglioso...e a proposito di animazione no-hollywood e no-japan, avete mai visto "Appuntamento a Belleville"? Una meraviglia per gli occhi.
Un saluto

dreca said...

recupererò...anche se credo che ho bisogno di qualche ora in più nella giornata...

Miky said...

mi manca pure questo *_* rimedio subito...

p.s. commento qui quanto scrittomi sul mio blog :P sono assolutissimamente d'accordo con te, Venom andava in un capitolo a parte è un personaggio enigmatico e originale e nel film purtroppo,come vedrai, non è spiegato nulla del suo rapporto ra lui e Spiderman T_T ho come l'impressione che Raimi si sia volutamente accapparato tutti questi nemici perchè "si vocifera" che sia l'ultimo film con l'interpo cast e quindi con la sua regia..a questo punto spero(anche se a malincuore) che sia l'ultimo se poi il risultato sono come i Batman di Schumacher O_o meglio evitare..ovviamente escludo Nolan che è stato un ottimo avversario di Tim Burton nella regia :)

Weltall said...

@accakappa: Appuntamento a Belleville non l'ho ancora visto...è in quella famosa e interminabile lista di titoli da recuperare...

@dreca: ci vorrebbero giorni da 30 ore almeno ^_____*

@Miky: se il cast artistico o tecnico dovesse cambiare è meglio che questo sia l'ultimo film! Cambiara qualcosa in una squadra perfettamente collaudata come quella di spiderman sarebbe un suicidio. Schumacher con i suoi film è riuscito a ridicolizzare il personaggio di Batman...per fortuna ci ha pensato Nolan ha restituire dignità al Cavaliere Oscuro ^____*