Wednesday, October 03, 2007

"No one could break us, no one could take us, if they tried"

OASIS
DON'T BELIEVE THE TRUTH (2005)

1) Turn Up The Sun
2) Mucky Fingers
3) Lyla
4) Love Like A Bomb
5) The Importance Of Being Idle
6) The Meaning Of Soul
7) Guess God Thinks I'm Abel
8) Part Of The Queue
9) Keep The Dream Alive
10) A Bell Will Ring
11) Let There Be Love


Se mi chiedete qual'è il mio gruppo preferito (o la mia band del cuore ^__^), la mia risposta non può essere che "Oasis" (espressioni di disgusto si diffondono tra i lettori). Se mi chiedete se preferisco la musica degli Oasis o quella dei Radiohead, la mia preferenza va senza dubbio alcuno alla band di Thom Yorke e soci. Può sembrare un piccolo controsenso ma tra le due cose c'è un sottilissimo confine fatto di puri e semplici sentimenti affettivi: seguo il gruppo di Manchester praticamente dagli esordi e la loro musica occupa una parte importante nella colonna sonora della mia adolescenza (e anche oltre, diciamoci la verità). Oggi parlo di questo disco non solo perché tra poco meno di un mese uscirà finalmente il documentario girato durante l'ultimo tour, ma soprattutto perché, i fan di vecchia data aspettavano un album come Don't Believe The Truth sin dai tempi di (What's The Story) Morning Glory?. Dal '96 al '05 abbiamo avuto infatti un disco troppo lungo e troppo simile ai precedenti (Be Here Now), un disco flop (Standing On The Shoulder Of Giants) e un disco con segni di ripresa (Heathen Chemistry). Finalmente con Don't Believe The Truth si ritorna ad un disco compatto, 11 canzoni legate tra loro (e non appicicate a sputo) soprattutto grazie all'ottima e pignola produzione di Dave Sardy, che ha riportato il sound degli Oasis alle origini, all'acustico, mettendo molto in risalto soprattutto le chitarre. Noel Gallagher non scrive più tutte le canzoni, ma tutti i membri del gruppo partecipano alla composizione: dal fratello Liam ai più recenti ed ottimi acquisti Gem Archer e Andy Bell che da Standing On The Shoulder Of Giants, sostituiscono Bonehead e Guigsy. E' sempre merito di Dave Sardy se, un disco scritto in pratica da quattro persone diverse, non si sfilaccia, ma risulta invece molto omogeneo. A parte i singoli estratti (Lyla, The Importance Of Being Idle e Let There Be Love), trovo che siano veramente ottime canzoni Turn Up The Sun, Mucky Fingers, Guess God Thinks I'm Abel e Part Of The Queue. Un disco for fans only? Probabilmente. Difficilmente chi non ha mai gradito la loro musica, potrà apprezzare questo disco. Magari può piacere a chi vuole avvicinarsi per la prima volta agli Oasis (in quel caso consiglierei di procurarsi Definitely Maybe). Magari basterebbe ascoltarlo senza pregiudizi. Magari tornerò sull'argomento all' uscita del documentario.

10 comments:

Miky said...

essendo nei miei gusti musicali molto commerciale :P
non posso che appoggiare questa tua passione verso Noel e Liam
grandissimi :)

abel said...

oasis..dei grandi veramente

dreca said...

a volte spiegare i nostri gusti e le notre contraddizioni è difficile e in fin dei conti non necessario ;-))

Inenarrabile said...

Secondo me non è detto che se preferisci un genere devi non ascoltarne un altro.
La musica entra nell' anima anche a seconda dello stato d' animo, e gli stati d' animo possono essere diversi e svariati.

Ascolta qualsiasi cosa purché ti piaccia, ciao Weltall :)

P.S.= e poi gli Oasis sono bravi
:-P

nicolacassa said...

Un disco veramente bello, adoro Let There Be Love!!

Arte said...

gli oasis piacciono molto anche a me

Killo said...

hei la...

heraclitus said...

capisco perfettamente la differenza tra gruppo preferito e gruppo di cui si preferisce la musica. i gusti non si giustificano, non è necessario, se poi fosse possibile.

andrea opletal said...

adoro Layla... mi piace canticchiarla!!

Weltall said...

@Miky: eh eh eh grazie ^_____^

@abel: come non essere d'accordo ^___*

@dreca: hai ragione! Ma avevo questa idea che potesse sembrare strana la mia contraddizione musicale ^___*

@inenarrabile: "Ascolta qualsiasi cosa purché ti piaccia" in effetti è quello che ho sempre fatto, grazie ^___^
"e poi gli Oasis sono bravi" non sarò certo io a dire il contrario ^___*

@Nick: anche io1 peccato che sia stato l'ultimo singolo estratto!

@arte: mi fa piacere!!! Quanti consensi..non credevo ^____^

@killo: ciao mitico ^__^

@heraclitus: giustificare i propri gusti non è proprio possibile! Mi fa piacere che la mia piccola contraddizione è condivisa ^__*

@andrea: già! rimane prorpio in testa ^___^