Friday, March 07, 2008

Nessuna ultima possibiltà per gli Ultimate X-Men

Leggo le testate dedicate agli X-Men da quasi quattordici anni ormai. Era il '94 se non ricordo male, e la Marvel Italia già distribuiva sul suolo nazionale tutte le testate dei super eroi di Stan Lee. Spinto da curiosità comprai il volume con la saga completa del Re Delle Ombre è mi innamorai degli X-Men. Per puro caso quell' albo rappresentava un punto perfetto per chi voleva iniziare a leggere le storie dei mutanti di casa Marvel. Infatti, come diretta conseguenza di quella storia, gli X-Men si divisero in due gruppi (con la nascita della seconda testata regolare a loro dedicata), si riformò il gruppo governativo X-Factor (quello del grandissimo Peter David tanto per capirci) e I Nuovi Mutanti diventarono X-Force. Naturalmente poi cercai di recuperare quanti più arretrati possibile e anche grazie a qualche ristampa riuscii a ricostruire la lunga e complessa storia di una delle testate più longeve di sempre.
E si, perché quello della "continuity" è un bel problema che scoraggia tanti nuovi potenziali lettori. Il problema è diventato più pressante dopo l'uscita del primo lungometraggio degli X-Men che proponeva dei super eroi più "adulti", senza calzamaglie colorate, ma con delle belle divise in pelle nera. Per avvicinare il pubblico cinematografico agli eroi di carta, si è provato a svecchiare l'immagine degli X-Men dei fumetti con nuovi team creativi che rivoluzionarono la storia e l'immagine dei mutanti. Ma questo non bastava a risolvere il problema dei sessant'anni di storie, saghe , intrecci vari che gli X-Men si portano sulle spalle. Ed ecco allora arrivare l'ideona: creare un universo Marvel alternativo e ricominciare le storie degli X-Men da capo, in modo che i nuovi lettori possano prendere confidenza con i personaggi senza doversi preoccupare delle storie precedenti. Nasce così l' universo Ultimate e le collane Ultimate X-Men e Ultimate Spider Man (anche il Ragno a quanto pare necessitava di una svecchiata). Brevi cicli di storie, team creativi sempre nuovi (da mesi si parla di Brian Synger ai testi) sono le caratteristiche che dovrebbero garantire alla testata una freschezza in continuo rinnovamento. I personaggi sono sempre quelli ma allo stesso tempo "nuovi" in quanto il loro background è stato completamente riscritto (o quasi) e le loro avventure si svolgono ai giorni nostri naturalmente.
Operazione riuscita? Solo in parte secondo me. Storie ben scritte e ottimi illustratori possono attirare un nuovo potenziale lettore, questo è vero, ma tutti gli altri? Chi come me legge le testate regolari degli X-Men si ritrova con dei personaggi che sono alla fin fine, la fotocopia uscita male di quelli originali. Qualche esempio:
1)Scott Summers/Ciclope è sempre il leader timido e un po' cretino. Niente di nuovo quindi.
2)Jean Grey/Marvel Girl ha i soliti problemi con l'entità Fenice. Sai che novità. Si innamora anche nell' universo Ultimate di Ciclope e tutti ci chiediamo perchè.
3)Wolverine sembrava quello potenzialmente più interessante. Mandato da Magneto per assassinare Xavier si unisce agli X-Men e incomincia una relazione con Jean (questa si che era un' ottima trovata). Cerca anche di uccidere Scott per gelosia e li ho creduto veramente di aver trovato l' anima dell'operazione Ultimate. Poi tutto torna alla normalità e anche Wolverine. Peccato.
4) Rogue non può toccare nessuno.
5) Magneto è sempre il solito estremista.
Insomma, questi sono solo alcuni dei personaggi che compaiono nella testata ma che spiegano perfettamente perché un lettore di vecchia data non riesca a legare con questi X-Men, o meglio, perché IO lettore di vecchia data non riesco a legare con questi X-Men. Nonostante le buone intenzioni, l'idea che si tratti di un riciclo con qualche ritocco qua e la è sempre presente. Le possibilità creative di trovarsi tra le mani un universo fumettistico sostanzialmente "vergine" erano veramente infinite e si sarebbe potuto osare quel qualcosa in più che nelle testate ufficiali non è possibile fare, quel qualcosa in più che avrebbe fatto affezionare lo zoccolo duro dei lettori degli X-Men originali al mondo parallelo Ultimate. Invece nonostante qualche buona intenzione iniziale, tutto si è risolto nel far morire uno degli X-Men originali e nel rivoluzionare (e non in maniera radicale) questo o quel personaggio, prendere storie classiche provando a reinventarle (la Chiesa Shi'ar che venera Fenice??? Ma per piacere!!!). Mi spiace ma dopo più di quaranta numeri mi vedo costretto a bocciare Ultimate X-Men e a consigliare a tutti di leggere le storie degli X-Men ufficiali. Se la continuity vi spaventa, sappiate che non c'è lacuna che qualche buon sito internet (anche Wikipedia) non possa colmare. Buona lettura.

19 comments:

Sasuke Uchiha said...

Ciao Welltal!prima di tutto..carino il blog..e volevo chiederti se ti và di far parte del nostro blog,dove si riuniscono tutti quelli interessati a naruto,..può entrarci solo chi è invitato,chi non è invitato non può ne leggere e scrivere..ne vuoi far parte?x farmelo sapere vai sull'altro blog: www.theninjaofdestiny.blogspot.com
e lasci il tuo commento con il tuo indirizzo email, sul post in alto "commenti",così mi fai sapere se vuoi far parte dell'altro blog e ti inviamo l’invito che dovrai accettare x entrare..aspettiamo la tua risp..ciao

dreca said...

credo che sia normale che chi ama già una testata (siano gli xman o spider) non sopporti troppo la versione ultimate.
io sto leggendo quella di spider e mi piace, ma capisco il disappunto...
tra l'altro in uno degli ultimi numeri che ho letto c'era una lettera che "correggeva" tutti gli errori della storia rispetto all'originale...mi ha fatto un po' ridere però mi ha convinto che le 2 testate si propongano a pubblici diversi

t3nshi said...

Quest'ultimo periodo della gestione di Kirkman mi sta convincendo: colpi di scena a ripetizione, rivelazioni su rivelazioni e un buonissimo ritmo. (Spero che riesca a spiegare a modo tutto prima che lasci la testata :( ).

Sto recuperando la gestione di Morrison (la stanno ristampando in 100%) degli X-Men e paradossalmente è più "ultimate" quella che la testata omonima :P

Delle testate ultimate secondo me solo Ultimates e Ultimate Spiderman (l'ultima saga, quella del clone, è spettacolare!) hanno un loro perchè.

Ciao,
Lorenzo

heraclitus said...

io invece alla lettura di questa testata alternativa degli x-men mi ci dedicherò da tra poco, con l'arrivo/ritorno di psylocke... ;-)

Deneil said...

interessante il post sugli x-men...io provai tempo fa ad avvicinarmi ma la benedetta continuity della marvel me lo impedì..è vero che si può recuperare su internet ma davvero si può comprendere?
ci son degli intrecci che richiedono 10 letture per essere davvero compresi!mi accontento così dei film e di qualche storiella sparsa qua e la che mi fa sempre piacere leggere ma di cui non riesco mai a comprendere i vari richiami...su ultimate non sei il primo a lamentarsi comunque....soprattutto i lettori di vecchia data da quanto ne so sono decisamente scontenti.

giadatea said...

che dire, per me è arabo, quando sentivo la parola manga non capivo neanche a cosa si riferisse, ora ho qualche idea in più ma credo che mi manchi la passione per apprezzarli.

nicolacassa said...

Onore alla tua pazienza! Io coi Fantastici Quattro mi sono arreso dopo pochissimo!!

Anonymous said...

Guarda il problema di cui parli è giustissimo, gli universi fotocopia trasformati in serie regolari non fanno altro che incasinare tutto senza concludere niente, la crisi delle terre infinite fu una necessità editoriale in casa DC proprio per spazzare tutti quegli universi che avevano serie regolari basati su differenze minime tre un universo e l'altro e che stavano rompendo le scatole a tutti i lettori (anche se narrativamente parlando due o tre di quegli universi avevano il loro perchè, infatti i loro characters migliori furono salvati) e temo che un giorno la Marvel incomincerà anche lei con i casini di portata ultra-cosmica per risolvere queste situazioni creando più casini che altro.

Quadrilatero said...

Un po' di tempo fa ho deciso che dovevo scegliere, non potevo seguire tutto! E alla fine la scelta è caduta molto commercialmente sull'universo marvel classico. Non inizio nemmeno con gli ultimate... metti caso che mi piacciano pure loro!

ginoilsalumiere said...

Ciao bello e buona domenica!
Comunque la foto dell'header è fantastica... è l'attore de "Non è un paese per vecchi?"... se non ho sbagliato il titolo.

Gianmario said...

Per me non c'e' soluzione, dovrebbero cambiare completamente il pubblico a cui si riferiscono. Insomma dovrebbero decidere una volta per tutte di scrivere, per esempio, storie mature, liberarsi di anticaglie anni cinquanta e tirar fuori quanto di buono hanno questi personaggi. Non si puo' nascondere che Ciclope e' interessante solo quando fa veramente il leader, ma riesce a farlo solo per due volumi per poi tornare alla solita piattezza da bravo ragazzo. Accontentare i vecchi lettori o orientarsi verso qualcosa di nuovo? Penso si cerchera' sempre una via di mezzo non accontentando mai nessuno.

Comunque su Ebay i primi 7-8 numeri di Ultimate X-Men hanno un certo valore :D

Weltall said...

@Sasuke: grazie per i complimenti e per l'invito!!!
Adoro Naruto perciò passo subito da voi ^__*

@dreca: non leggo Ultimate Spider-Man quindi posso parlare solo per gli X-Men. All' inizio mi piaceva leggere le storie di questo universo alternativo. Poi dopo il primo ciclo hanno cercato di allinearsi troppo all' universo originale e la cosa è arrivata a stancarmi.
Hai proprio ragione: le due serie sono per due tipi di pubblico differente e mi spiace sinceramente dovermi schierare...

@t3nshi: questo è proprio quello che intendevo! Morrison nella sua splendida gestione ha fatto molte più rivoluzioni di quanto sia stato fatto nella collana Ultimate e questo aumento ancora di più il mio disappunto per quanto poco si è "osato" in questa serie tutta nuova...peccato!!!
Degli Ultimates e Spider-Man infatti sento sempre parlare un gran bene ^___^

@heraclitus: ma forse tu intendi gli Exiles, giusto? Psylocke dovrebbe entrare a far parte del gruppo con la genstione Claremont se non sbaglio!

@deneil: era da un po' che non parlavo di fumetti sul blog, son contento che il post sia stato apprezzato ^___^
Credo che la continuity non rappresenti un grande probleme...voglio dire...a parte tutti gli intrecci della famiglia Summers il resto lo si riesce a recuperare senza problemi ^___*
Sono consapevole di non essere l'unico ad essersi lamentato di questi Ultimate X-Men...magari dipenderà da noi vecchi lettori troppo esigenti? Perbacco! Ceramente si!!! ^__*

@giadatea: son d'accordo! Se manca la passione è difficile avvicinarsi a questo mondo ^___^

@Nick: come dicevo nel commento precedente, è tutta questione di passione ^__*

@Anonimo: un futuro come lo auspichi tu potrebbe essere possibile anche in casa Marvel visto tutti gli universi paralleli che stanno tirando fuori...è l'unico modo per liberarsene se non si eliminano da soli (vedi le collane 2099)!

@Quadrilatero: sai che ti dico? Scelta saggia! Io mi sono fidato e sono rimasto invischiato per tanto, troppo tempo!!!

@gino: esatto! E' proprio lui ^___*

@gianmario: Ma infatti il problema è proprio quello! Nell'universo Ultimate si poteva avere un nuovo Ciclope o magari farlo morire subito! Quella sarebbe stata una rivoluzione! E invece niente! Abbiamo due Ciclope praticamente identici in due universi paralleli! Meglio la versione guercia dell' Era di Apocalisse a questo punto...o la versione fedifraga di Grant Morrison ^__*.
Visto come vanno le cose, scelgo di stare da una parte e basta!

Che dici? Ci faccio un gruzzoletto con i primi numeri originali ^__*

Anonymous said...

gli ultimi 100% sugli x-men sono veramente notevoli...
Simone

Heike said...

Mi trovo d'accordo con t3nschi: UXM e UFF sono degli abominii. Invece USM è un ottimo prodotto, e US è semplicemente eccezionale. Credo che tutto sia dovuto ad un procedimento semplice: mettere in mano un prodotto ad un autore che ci crede, non a un semplice esecutore. Infatti l'uomo ragno e gli Ultimates devono il loro successo soprattutto all'originalità e all'organicità del lavoro, le altre collane sono raccogliticcie, prodotte con un obiettivo (quello di andare incontro alle "giovani generazioni") che ha superato e cancellato la voglia di fare un bel fumetto.
Le regole base per scrivere fumetti (dai tempi di Topfer) son sempre le stesse:
1 - ama il tuo lavoro
2 - crea storie interessanti
3 - ama il tuo lavoro.
Ciao vecchio!

Weltall said...

@Simone: il ciclo di Gran Morrison è veramente da applausi! Ha fatto bene la Marvel Italia a pubblicarlo in volumi!

@Heike: e in effetti in UXM qualcuno il proprio lavoro non lo ama moltissimo...
Mi fa piacere che arriva anche da te l'ennesima conferma della validità di USM e degli Ultimates...sfortunatamente collane che non seguo!

Gianmario said...

A me la versione di Grant Morrison piaceva molto :). Almeno ciclope sembrava un vero uomo con un po' di sangue nelle vene! Peccato non sia durata molto. Penso che non abbiano voglia di scegliere, perche' ci sarebbero proteste e malcontenti vari. Cosi' effettivamente ci son solo doppioni.

Non so se esistano ancora ma i primi numeri di Ultimates non erano male, anzi direi che erano proprio belli (non per niente non li ho venduti su Ebay :P).

Weltall said...

@gianmario: Grant Morrison, lo continuerò a dire fino alla nausea, ha fatto un lavoro grandioso su molti personagi, compreso Ciclope!!! Peccato che quando è andato via abbia dovuto chiudere tutte le sue sottotrame in maniera frettolosa (vedi Magneto)
Anche Wedon sta facendo un' ottimo lavoro: questo Ciclope senza poteri che sembra aver finalmente aperto gli occhi su se stesso, mi intriga! Vedremo ^__^
Spero che pubblichino i primi Ultimates in volume perchè non ho intenzione di farmi spennare su eBay ^__*

Marco said...

Rispondo da ex lettore x-men. Ho iniziato a leggere gli x-men quando ero piccolo (era il periodo iniziale di Stan Lee per intenderci), presi un albo per caso e me ne innamorai. Iniziai a leggerli quando gli albi italiani della panini erano già al numero 30 o giù di lì (se la memoria non mi inganna) e poi dovetti abbandonare dopo l'uscita di x-men deluxe. Seguivo troppe testate... X-men, X-men deluxe, Wolverine...

Dopo aver rivisto i film però mi è venuta una gran voglia di riniziare a leggerli, ma mi rendo conto di quanto ormai sia passato tempo. Per ricomprare e rileggere tutti i numeri usciti dagli anni 90 ad oggi dovrei spendere un patrimonio e l'ipotesi di seguire la continuity partendo da wikipedia non ha senso (almeno per un ex fan che come me collezionava tutti gli albi... e li ho pure venduti mannaggia a me).

Questa cosa però è più fattibile se dovessi riprenderli in mano seguendo solo l'universo ultimate, anche se ho letto più volte che forse la serie terminerà. Fidati, ho una gran voglia di rileggerli, ma quasi 20 anni di arretrati mi spaventano... (che poi fossero di una sola collana... ma qui si parla di seguire minimo 2 testate più i vari extra).

Spero solo che le serie ultimate riescano a darmi le emozioni di un tempo...

Weltall said...

@Marco: bene, mi fa piacere ricevere un parere da un ex lettore delle collane principali: effettivamente seguire l'universo X, tra collane mensili e vari speciali è diventato negli anni sempre più difficile. Da quel che si intuisce dal post, tu hai smesso di leggerli quando io iniziavo e credimi, cercare di recuperare vent'anni di storie (ed albi) è un' operazione titanica (e dispendiosa).
Detto questo, è chiaro che recuperare la continuity da Wikipedia non è come leggere le storie su carta ma l' alternativa Ultimate X-Men non è che sia molto meglio. Certo, non avrai tante difficoltà a recuperare gli arretrati ma non so se ritroverai quelle emozioni che hai lasciato negli anni '90, un decennio di storie meravigliose.
Fammi sapere dopo che avrai iniziato la lettura e grazie per questo bel commento ^__^