Friday, December 07, 2007

"Proooova e vedraaaai che col tempo..." Ah no! Quello era un'altro!

Il primo film giapponese che vedo da mesi è uno di quelli che rientrano nel filone dei live-action e cioè, pellicole tratte da serie animate o da manga. A pensarci bene sono pochi i film che vengono dal paese del Sol Levante senza avere alle spalle una sceneggiatura di quella provenienza. Comunque, il film di cui parlo oggi è Rough tratto da un fortunato manga di Mitsuru Adachi autore del ben più conosciuto (in Italia), Touch (i più anzianotti ricorderanno l'anime con il titolo "Prendi il mondo e vai"). Come in quest'ultimo anche in Rough sport e sentimenti la fanno da padrone con un simpatico triangolo amoroso ma senza la tragedia a metterci lo zampino. Quasi tutti i giovani protagonisti sono universitari appartenenti ai club sportivi della loro facoltà, che convicono nello stesso dormitorio. Yamato è un ragazzo introverso iscritto alla squadra di nuoto. Ami invece a quella di tuffo. Il caso vuole che tra le famiglie dei due ragazzi esista una vecchia rivalità risalente all 'attività di dolciari dei rispettivi nonni. Il terzo incomodo è Natsushima, Natsumiya, non ricordo bene...ah si! Hiroki Nakanishi (grazie Nick), nuotatore professionista detentore del record giapponese e particolarmente legato ad Ami. Per Yamato, Natsu-coso non solo rappresenta un obiettivo da raggiungere ma anche un ostacolo per fare breccia nel cuore della bella Ami. Per quel che riguarda il cinema giapponese Kitano, Miike e Tsukamoto sono il top al momento. Ci sono poi Iwai, Nakashima e qualche altro che personalmente mi garbano assai. Il regista di Rough e dei due film su Nana, Kentaro Otani, non credo rientrerà tra quei nomi non perchè non sappia fare il suo mestiere, ma perchè non sembra possedere particolari doti o personalità. Cosa comporta questo? Semplice. Film come Rough, Touch o Midnight Sun tendono ad assomigliarsi un po' tutti senza una particolare impronta registica che li distingua. Ma a parte questa mia considerazione personale, Rough è un film che si guarda molto volentieri anche se le dinamiche sentimentali sono sempre quelle tipiche del genere e ci sono un'infinità di comprimari che rimangono sullo sfondo senza essere sviluppati (probabilmente nel manga non è così ma non avendolo letto non posso confermare). Io credo che, al di la dei limiti impliciti alla trasposizione filmica di un'opera ad ampio respiro (sia essa animata o stampata), si possa sempre riuscire a mettere insieme un prodotto decoroso che non ti fa rimpiangere il tempo dedicatogli. Consigliato a chi adora questa faccia del cinema giapponese e tutti i fan della dolcissima Masami Nagasawa che, lasciatemelo dire, è sempre un bel vedere.

14 comments:

Deneil said...

non seguo quasi per nulla il cinema giapponese purtroppo..so che ci sono prodotti validissimi ma non riesco mai ad avere un secondo da dedicargli purtroppo quindi questo proprio non so cosa sia..in compenso da qualche parte ho una pessimissima trasposizione coreana di dragon ball......una roba che dire brutto è fargli un complimento..ma magari poi ne faccio una recensione!tra l'altro stan facendo una nuova trasposizione di dragon ball...mah!

nicolacassa said...

Grande "primo film giapponese da mesi", grande il padre di Ami, grande "Natsu-coso"! Cugino ho un sacco di film da vedere, tipo film di corazzata Yamato, film di bambino introverso che manda sostituto robot a scuola etc!!!

nicolacassa said...
This comment has been removed by the author.
nicolacassa said...
This comment has been removed by the author.
ginoilsalumiere said...

Ciao Weltall e buon fine settimana...

Il fantasma di Hitler mi ha detto che sta venendo sotto il tuo letto perchè non hai fatto il meme... uomo avvisato...

davide said...

Cugino, riguardo a Masami Nagasawa, nella frase "è sempre un bel vedere" hai confuso la V con la S :DD

heraclitus said...

un filmetto da vedere se capita, me lo segno va... ;-)

Inenarrabile said...

Maaa ma io il cartone lo guardavo seeeempre, e dopo facevo i cooompiti :-O

ciao arca di scienza, ma c' è qualcosa che non sai??? ;)

dreca said...

il problema di trsporre opere lunghe in un unico film è sempre lo stesso, s rischia di appiattire un po' il tutto...

Weltall said...

@deneil: stai attento quando inizi a dedicarti al cinema asiatico...se ti prende non lo lasci più ^___^
Comunque mi ricordo di quella trasposizione di Dragon Ball e sono curioso di leggere la tua recensione ^___^
Se non sbaglio il nuovo film è incentrato su Dragon Ball Z, vero?

@Nick: bambino introverso con sostituto robot...da vedere!!!
Comunque se ti ricordi il nome di Natsu-coso correggo il post...neanche su IMDB menzionano i nomi dei personaggi!

@ginoilsalumiere: perchè il fantasma di Hitler ha tutta questa fretta! Sto solo aspettando di avere uno spazio libero per fare il meme in tutta tranquillità ^__*
Buon fine settimana anche a te ^___^

@Deiv: cugino sei il peggiore nonchè maniaco ^___*
Il bello è che sono pure andato a controllare se avevo sbagliato ^______^

@heraclitus: ma si!Poi se conosci il manga probabilmente lo apprezzi di più ^__^

@inenarrabile: eravamo in tanti a guardarlo il cartone ^___^
In realtà c'è una cosa che non so...cos'è un' arca di scienza? ^____*

@dreca: eh si! Quello è sicuramente il rischio maggiore!

Deneil said...

si su dragon ball z...girato in messico..mah!

nicolacassa said...

Il cattivone pesce volante si chiama Hiroki Nakanishi!

daphne said...

e come al solito come ogni volta che passo di qui mi fai venire voglia di perdermi davanti a un film.
questo però non lo conosco, chissà.

Weltall said...

@deneil: mamma mia...già tremo all'idea ^___*

@Nick: grande cugino! Grazie ^__^

@daphne: e io ti ringrazio ^___^
Cosa c'è di meglio che perdersi in qualcosa che non si conosce ^___*?