Wednesday, April 08, 2009

Per un quanto di sollievo

Quantum of Solace è il ventiduesimo film su James Bond nonché il secondo a vedere la spia nata sulle pagine dei romanzi di Ian Fleming, interpretata da Daniel Craig. Forti di una scelta attoriale così particolare e vincente che, considerati i precedenti interpreti del celebre 007 andava proprio contro l'immagine (o l'aspetto) da tempo entrato nell' immaginario collettivo, i produttori hanno voluto sfruttare al massimo il grande successo di Casino Royale e far si che il nuovo film di Bond fosse il diretto seguito del precedente. Questo fatto che di per se comporta una grande novità nella lunga storia cinematografica di 007 (se non vado errato è la prima volta che succede una cosa del genere) significa anche che se non avete visto Casino Royale o se ne avete solo vaghi e sbiaditi ricordi, forse vi troverete un po' in difficoltà nel seguire l' evolversi delle vicende, specialmente all' inizio o quando viene tirato in ballo qualche personaggio apparso nel film precedente. Un ripasso è quindi caldamente consigliato se volete seguire gli eventi di Quantum of Solace (che comunque vive di vita propria, non temete) che da quanto si legge in giro, inizia poco dopo la fine degli eventi di Casino Royale. Ritroviamo James, a seguito di un rocambolesco inseguimento in auto, portare nella "sede" italiana dei servizi segreti inglesi, un esponente della misteriosa organizzazione responsabile del tradimento e della morte di Vesper, la donna di Bond. Scoperto che questa famigerata organizzazione ha infiltrati anche nei servizi britannici, 007 inizia una caccia spietata più vicina ad una vendetta personale piuttosto che all' adempimento del suo dovere. Se a Casino Royale si deve l'aver riportato in auge il personaggio di James Bond, capace di tesissimi duelli anche sul tavolo da poker, il cambio (inaspettato) in sede di regia porta il film a diventare un action a tutto tondo che continua a tenere al centro dell' attenzione la spia più famosa del mondo e le sue abilità, limitando al massimo l'ausilio di tecnologia e gadget. Girato ai quattro angoli del globo, non si può che premiare la scelta del regista Marc Foster di usufruire il meno possibile di set in studio o di schermo verde, preferendo dirigere le belle e numerose sequenze d'azione direttamente on-location. Non capisco e non condivido le tante critiche mosse a questo film anche perché da un film di Bond (a parte le questioni "sequel" indicate in apertura) non mi aspetto niente di diverso. E preferisco cento volte un' altro film di 007 così, piuttosto che fare un passo indietro all' era Brosnan. Prevedibile e (mi sa) inevitabile il seguito del seguito.

13 comments:

Gianmario said...

Verissimo, la differenza rispetto al precedente Bond è enorme, e sinceramente spero non si torni mai indietro. Questo James Bond è coinvolgente ed umano, probabimente il secondo film non è curato quanto sarebbe potuto essere dal punto di vista della trama. Ma secondo me mette ancora di piu' al centro di tutto la figura di Bond come uomo e non quegli inutili gadgeto ancor peggio delle inutili bond girl.

Vagabond said...

Non sono un grande fan di Bond, ma questo e il precedente mi sono piaciuti molto! Un difetto che ho trovato in questo è l'eccessiva confusione nelle scene d'azione, nel primo erano molto più leggibili... per il resto mi piace molto questo Bond!

davide said...

Azz questo volevo vederlo anche io.

Killo said...

Sono d' accordo con te...

anche se devo ammettere che non mi fanno impazzire sti film...

Killo said...

Sono d' accordo con te...

anche se devo ammettere che non mi fanno impazzire sti film...

Weltall said...

@Gianmario: eh si! Ci voleva un Bond carismatico che richiamasse tutta l'attenzione su di se. Trama forse non semplicissima da seguire ma il film è riuscito nel complesso ^__^

@Vagabond: io sono tornato sul personaggio cinematografico di Bond da Casino Royale (che effettivamente è un tantino superiore a questo) e spero vivamente che si rimanga su questa strada ^__^

@Deiv: veramente? Mi dispiace...pensa che me lo sono guardato in BluRay ^__*

@Killo: è sempre un piacere trovarsi d'accordo carissimo ^__*

nicolacassa said...

Non ho mai visto un film della nuova era Craig, ma l'interesse è alle stelle! Sicuramente, come dici tu, meglio di Pierce "monoface" Brosnan!!

panapp said...

Il rapporto soldi spesi/prodotto ottenuto è davvero impari: 230 milioni di dollari e come risultato un film fatto di botti. Voglio dire: il film non è pessimo, ma il precedente è molto migliore, e questo risente di una trama macchinosa e di un finale in puro stile Michael Bay. Poteva venire meglio. Nota sulla sigla: la canzone è un po' dimenticabile, ed il video poco ispirato.

Weltall said...

@Nick: Yeah!!! A big "BUUUUU" for Monoface ^__*

@Panapp: mi trovo daccordo su diverse cose: innanzi tutto, anche io credo che Casino Royale gli sia superiore, In secondo luogo, la regia un po' fracassona e confusionaria ricorda quella di Michael Bay. Comunque nel suo complesso, il film è tutt'altro che disprezzabile perchè la figura di Bond ha tutta l'attenzione che merita.
Sono d'accordo sulla canzone anche se i titoli di testa son osempre bellissimi ^__^

Pupottina said...

adoro lo 007 interpretato da Daniel Craig....
a me anche è piaciuto tantissimo!
però non quanto la trilogia Bourne con matt Damon

Weltall said...

@Pupottina: la trilogia di Burne è veramente gradevole ma James Bond ha sempre un certo fascino ^__^

Dirk Diggler said...

Voglio essere Daniel Craig!!!
Buono e spettacolare ma Casino Royale è decisamente superiore.

Weltall said...

@Dirk: condivido tanto la prima quanto la seconda affermazione ^__*