Monday, December 14, 2009

Megan Fox mangia uomini

Vittima innocente di un pregiudizio forse troppo affrettato, ma in parte giustificato dall' uso del richiamo testosteronico per eccellenza che risponde al nome di Megan Fox, Jennifer's Body si è rivelato alla fine meno terribile di quanto mi aspettassi anzi, considerato all' interno del suo specifico genere (che di per se non amo molto), nel complesso perfino riuscito. Trattasi infatti di un teen-horror con tutti i crismi a partire dalla colonna sonora fino all' ambientazione, una pacifica cittadina della provincia americana sconvolta da macabri accadimenti che si susseguono con una frequenza allarmante. Protagoniste due liceali, una sfigatella e l'altra popolare, una non proprio una bellezza e l'altra una fica paurosa. Il problema è che, per quanto bella e attraente possa essere, ha recentemente preso il vizio di attirare, con le sue indiscutibili attrattive fisiche, ignari maschietti per poi divorarseli. L'accoppiata Karyn Kusama alla regia e Diablo Cody alla sceneggiatura, mettono insieme un film dove la definizione "sesso debole" viene completamente cancellata da un rivoluzionario "girl power" che trasforma il corpo della donna in una forza cannibale travolgente, lasciando il maschio vittima dei suoi stessi appetiti sessuali. E non la solita figura stereotipata ma il maschio in generale, lo sportivo, l' emo o il comune e bravo ragazzo. Merito delle due signore di poco sopra (forse l'unico) è quello di aver trovato in Megan Fox la donna perfetta per questo ruolo, utilizzando la sua indubbia bellezza non in maniera fine a se stessa (come accaduto in Transformers) ma per dare al personaggio varie sfacettature (da stupidotta ragazza di provincia a feroce mangia uomini, per esempio) regalando al suo fascino un tono sorprendentemente inquietante. Se la regia non si distingue ne in bene ne in male, la sceneggiatura del Premio Oscar Diablo Cody poteva essere l'elemento per dare al film la giusta spinta risultando invece quello che l'affossa maggiormante, tanto è carica di elementi appena abbozzati e lasciati un po' al caso: si tenta di fare un ritratto della "internet generation" (c'è su Wikipedia quindi è vero" dirà una ragazza ad un certo punto) o del sottobosco delle indie band, legando questi elementi con intenti femministi che si perdono nel marasma. Tutto appare fin troppo superficiale perchè aggiunga spessore al film, senza contare la scelta dello spiegone da setta satanica per giustificare lo "status alterato" di Jennifer. E dire che finchè non si sapeva nulla, non dico che andava tutto a meraviglia, ma almeno era sufficientemente godibile.

9 comments:

Pupottina said...

eheheheheh
bella recensione!!!!
lo voglio vedere, ma magari non andrò al cinema ... aspetterò che arrivi su sky....
in questi giorni un film che mi è piaciuto molto, non so se ne hai parlato... è Passengers - mistero ad alta quota

Cineserialteam said...

Ottima analisi che appoggio in pieno.
Come ho detto da me, mi è piaciuta l'atmosfera un pò retrò che svolazza per tutto il film.

Quel che è certo è che la pellicola verte molto sulla figura della Fox.

Weltall said...

@Pupottina: a dire la verità io l' visto un paio di settimane fa...e non al cinema ^__*

@Cineserialteam: è incetrato praticamente sulla sua figura personaggio/attrice. Secondo me agli estimatori del teen-horror non gli schiferà più di tanto ^__^

nicolacassa said...

Inutile dire, film interessantissimo!!

Weltall said...

@Nick: magari non proprio interessantissimo ma gli si può dare uno sguardo senza impegno ^__*

AmosGitai said...

Mamma mia... semplicemente, una cagata pazzesca!!!

RECENSIONE "JENNIFER'S BODY"

Weltall said...

@AmosGitai: fondamentalmente lo è, ma mi aspettavo qualcosa di molto peggio...perciò non mi lamento più di tanto ^__*

Deneil said...

Ne ho letto ovunque male..se non peggio come dici anche tu ma a me non è dispiaciuto affatto.
Certo non so cosa si aspettasse la gente dopo aver visto il trailer da un film del genere..è un teen horror come precisi anche tu e per me è un teen horror fatto anche bene.
forse tutta quell'attesa veniva dalla nome della sceneggiatrice che secondo me non se la cava affatto male.
é vero lo spiegone fa un po schifo però nei dialoghi e in alcune battute fulminanti si vede che c'è la mano di qualcuno che perlomeno fa parlare i suoi sedicenni come dei sedicenni e non come dei bambocci di cartone come accade nel 99% degli altri casi.
Ripeto: non so cosa si aspettasse la gente da un film del genere.

Weltall said...

@Deneil:io credo che in tanti guardino dei film così per parlarne solo male e anche io ero partito piuttosto prevenuto. Mi sono parzialmente ricreduto anche se il film ha parecchi difetti molti dei quali imputabili alla sceneggiatura e non tanto nei dialoghi quanto nella quantità di elementi che accumula lasciandoli poi un po' al caso.
Comunque, chi apprezza i teenhorror secondo me non resterà tanto deluso ^__^